UEFA EURO 2020 con partita inaugurale a Roma, la FIGC esulta

0

UEFA EURO 2020 (nel 2021) inizierà allo Stadio Olimpico di Roma, confermando il programma che ci sarebbe dovuto essere proprio in questi giorni. La FIGC ha manifestato la sua soddisfazione per quanto definito oggi nel Comitato Esecutivo, che si è espresso anche sulle competizioni per club (vedi articolo).

Sarà ancora lo Stadio Olimpico di Roma a ospitare la gara inaugurale di UEFA EURO 2020, il primo Campionato Europeo itinerante rinviato all’estate del 2021 in seguito all’emergenza Coronavirus. Il Comitato Esecutivo UEFA, riunitosi oggi, ha confermato l’impegno delle dodici città ospitanti e approvato il calendario della manifestazione, che si aprirà l’11 giugno con la sfida tra Italia e Turchia. Nel Gruppo A, oltre alla Nazionale di Roberto Mancini, anche Svizzera e Galles.

Numerosi gli stakeholder coinvolti nell’organizzazione delle quattro gare (tre della fase a gironi e un quarto di finale) previste a Roma e che hanno confermato il loro impegno, credendo nell’importanza di EURO 2020 per la ripartenza sportiva del Paese e del calcio italiano: FIGC, Governo, Roma Capitale, CONI, Sport e Salute, Aeroporti di Roma.

«Roma e l’Italia confermano il loro impegno per EURO 2020 – dichiara il Presidente della FIGC Gabriele Gravina; la decisione della UEFA di confermare la Capitale quale sede inaugurale del torneo è una splendida notizia che fa guardare al futuro con sempre maggiore fiducia. Il calcio è un moltiplicatore di entusiasmo, non vediamo l’ora di poter vivere le emozioni di quello che sarà sicuramente un grande Europeo».

«L’Italia è al centro dello sport e del calcio europeo – dichiara il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora. Roma è confermata la città che ospiterà quattro partite, tra cui quella inaugurale, dell’Europeo che a causa del Coronavirus è stato rimandato al prossimo anno. Ho sempre sostenuto che lo sport sarà una leva fondamentale del rilancio del Paese, e questa notizia non può che rendermi orgoglioso. In campo e fuori dal campo i nostri avversari troveranno una squadra e una nazione al massimo della forma».

«Siamo orgogliosi di vedere confermata Roma come sede di UEFA EURO 2020 e, soprattutto, di ospitare l’11 giugno 2021 la gara inaugurale tra Italia e Turchia. Sarà un evento internazionale senza precedenti che ancora una volta vedrà la nostra città protagonista in Europa a livello sportivo», sottolinea la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

«L’impegno profuso nei mesi passati per l’Europeo troverà ben presto soddisfazione nel vedere la realizzazione del campionato più bello ed emozionante di sempre nella nostra città – afferma il Commissario Straordinario per UEFA EURO 2020, Daniele Frongia. Non solo nello Stadio Olimpico ma nella cornice delle nostre strade, ricche di monumenti, cultura, piene di eventi costruiti appositamente per l’Europeo. La notizia della conferma della nostra presenza ci rende orgogliosi e sempre più proiettati a dare il massimo per rendere l’evento unico a Roma».

«Questa notizia è un grande motivo di orgoglio e un riconoscimento importante dell’UEFA al Parco del Foro Italico e allo Stadio Olimpico, gestiti da Sport e Salute, il braccio operativo dello Stato per il mondo sportivo – le parole di Vito Cozzoli, presidente di Sport e Salute –. Non vediamo l’ora di accogliere squadre e tifosi per la partita inaugurale dell’11 giugno tra Italia e Turchia e per le altre partite previste nel nostro stadio che è il cuore di uno dei luoghi più suggestivi, a detta di tutti gli operatori e del pubblico, per le manifestazioni sportive nell’intero pianeta. Il fascino di Roma e del Foro Italico non hanno eguali. Saremo all’altezza del grande privilegio che l’UEFA ci conferma. Nel 2009 lo Stadio Olimpico ha ospitato la finale di Champions League e siamo stati sommersi dai complimenti. Vi garantiamo che faremo il possibile per meritarli anche stavolta. Ci vediamo tra un anno».

Tutti i biglietti già acquistati restano validi per il torneo nel 2021. Gli acquirenti di biglietti esistenti che desiderano tuttavia restituire il/i proprio/i biglietto/i, avranno l’ultima opportunità di richiedere un rimborso dal 18 giugno al 25 giugno tramite euro2020.com/tickets. Le date per potenziali vendite future di biglietti, anche per i fan delle quattro squadre che si qualificheranno tramite gli spareggi, saranno confermate in una fase successiva.

Il Comitato Esecutivo UEFA ha inoltre espresso il proprio apprezzamento per le federazioni ospitanti, le città ospitanti e le loro autorità per il loro continuo supporto e impegno nell’organizzazione del rinvio di UEFA EURO 2020.