Qualificazioni Europei 2016: Germania e Portogallo a fatica, la Polonia vince 8-1

0

Nessuna qualificata certa dopo le partite di stasera ma Germania, Irlanda del Nord, Polonia e Portogallo si avvicinano all’obiettivo, che potrebbe diventare ufficiale tra un mese con un turno d’anticipo.

 

GRUPPO D

Soffre tanto e non fa una bella figura difensivamente ma la Germania vince ancora e mantiene il primo posto nel girone, vincendo 2-3 a Glasgow e estromettendo di fatto la Scozia anche dalla lotta per il terzo posto. Thomas Müller segna in avvio con un tiro deviato ma la formazione di casa riesce a ritrovare la parità grazie a una paperaccia di Manuel Neuer, che non trattiene una punizione e rinvia addosso a Hummels che fa autogol, l’uno a uno dura comunque pochi minuti perché ci pensa ancora Müller a riportare avanti i tedeschi. Poco prima dell’intervallo McArthur pareggia nuovamente ma al 54′ una grande triangolazione fra Gündogan e Müller permette al giocatore del Borussia Dortmund di siglare il definitivo 2-3, doccia gelatissima per gli scozzesi che ora sono a -4 dall’Irlanda, vittoriosa 1-0 sulla Georgia con rete di Walters su percussione di Hendrick. Prevedibile goleada della Polonia, sono addirittura otto le marcature rifilate a Gibilterra con le doppiette di Grosicki (migliore in campo), Lewandowski e Milik più un rigore trasformato dal nuovo acquisto della Fiorentina Blaszczykowski, nonostante ciò gli ospiti nel finale sono riusciti a trovare il loro secondo gol nelle qualificazioni con Gosling.

Irlanda – Georgia 1-0 69′ Walters
Polonia – Gibilterra 8-1 8′, 15′ Grosicki, 18′, 29′ Lewandowski, 56′, 72′ Milik, 59′ rig. Blaszczykowski, 73′ Kapustka, 87′ Gosling (G)
Scozia – Germania 2-3 18′, 34′ T. Müller (G), 28′ aut. Hummels, 43′ McArthur, 54′ Gündogan (G)

CLASSIFICA: Germania 19, Polonia 17, Irlanda 15, Scozia 11, Georgia 6, Gibilterra 0

GRUPPO F

L’unica vittoria di questo gruppo è della Finlandia, che con un colpo di testa di Pohjanpalo (già in gol tre giorni fa contro la Grecia) ha la meglio sulle Isole Fær Øer e può nuovamente sperare di riacciuffare l’Ungheria al terzo posto, visto che i magiari si sono fatti riprendere al 93′ in Irlanda del Nord, con Kyle Lafferty che in pieno recupero e con i suoi in dieci per l’espulsione di Baird (due gialli nella stessa azione) ha ribadito in rete un tiro respinto corto da Király, evitando così la figuraccia al suo portiere McGovern che si era fatto sfuggire il pallone sul vantaggio di Guzmics. Deludente 0-0 della Romania contro la Grecia già eliminata.

Finlandia – Isole Fær Øer 1-0 23′ Pohjanpalo
Irlanda del Nord – Ungheria 1-1 74′ Guzmics (U), 93′ K. Lafferty
Romania – Grecia 0-0

CLASSIFICA: Irlanda del Nord 17, Romania 16, Ungheria 13, Finlandia 10, Isole Fær Øer 6, Grecia 3

GRUPPO I

Soltanto un gol in due partite ma decisivo e fondamentale per cambiare notevolmente gli scenari e avvicinare il Portogallo alla qualificazione. La rete è dell’ex Genoa Miguel Veloso, che di testa batte Berisha su calcio d’angolo battuto da Quaresma al 92′, dopo che i portoghesi avevano nuovamente rischiato di perdere contro l’Albania venendo salvati da una traversa colpita da Cikalleshi su tiro da fuori deviato da Pepe. La Danimarca non va oltre lo 0-0 in Armenia ma grazie alla sconfitta della nazionale di De Biasi è seconda da sola, riposo per la Serbia che ha perso in amichevole 2-1 contro la Francia con doppietta di Matuidi (gran gol il secondo).

Albania – Portogallo 0-1 92′ Miguel Veloso
Armenia – Danimarca 0-0

CLASSIFICA: Portogallo 15, Danimarca 12, Albania 11, Armenia 2, Serbia 1 (-3) (Armenia e Danimarca una partita in più)

PREVIEW: per l’ultima giornata di questa settimana di qualificazione attenzione al Gruppo C, dove Slovacchia-Ucraina può dire tanto nella lotta per la qualificazione diretta o l’accesso ai play-off, e al Gruppo G dove l’Austria cerca in Svezia i punti per festeggiare in anticipo. Nel Gruppo E l’Inghilterra, con il pass per la Francia già conquistato sabato, ospita la Svizzera rivitalizzata dalla rimonta effettuata contro la Slovenia.

[Immagine presa da uefa.com]