La Germania vince al 90′! All’Olanda non basta la doppia rimonta

0

Si decide al 90′ la partita più interessante della seconda giornata delle qualificazioni a EURO 2020: la Germania vince 2-3 ad Amsterdam contro l’Olanda.

La Germania si vendica della sconfitta in UEFA Nations League e passa alla Johan Cruijff ArenA. Cade l’Olanda nel terzo anniversario della scomparsa del suo giocatore più rappresentativo, al quale è stato intitolato lo stadio di Amsterdam, e lo fa al termine di una partita a tratti folle. Iniziano meglio i tedeschi che segnano dopo un quarto d’ora: Nico Schulz apre da sinistra sul primo palo, Leroy Sané controlla e incrocia per lo 0-1. Al 34′ arriva anche il raddoppio, lancio in profondità a pescare Serge Gnabry, che aggira van Dijk partendo in posizione regolare, salta proprio il centrale del Liverpool e con un gran destro fa di nuovo secco Cillessen, per il suo quinto gol in sei presenze con la Mannschaft.

Si va al riposo sullo 0-2, ma appena tre minuti della ripresa e l’Olanda è di nuovo in partita, con cross di Depay per il colpo di testa di Matthijs de Ligt, che sovrasta Rüdiger e riapre la partita. Al 63′ arriva anche il pareggio, su azione palla a terra da sinistra Memphis Depay scambia con Wijnaldum e infila Neuer con un rasoterra alla sua destra, dopo che il portiere del Bayern Monaco aveva salvato due volte il risultato (sullo 0-1) in pochi minuti nel primo tempo su Babel. Rimonta da completare? No, perché proprio al 90′ Reus appena entrato serve dentro Nico Schulz, piazzato sul secondo palo e la Germania la vince, anche perché l’arbitro Gil Manzano dà solo due minuti di recupero e non c’è più tempo. Primi punti per la nazionale di Joachim Löw, che sta faticosamente cercando di riaprire un ciclo dopo il fallimento ai Mondiali, dopo aver riposato nella prima giornata delle qualificazioni agli Europei.

[Immagine presa da twitter.com]