Italia, le modalità di accesso allo Stadio Olimpico nelle partite degli Europei

0

L’Italia giocherà le tre partite del girone degli Europei allo Stadio Olimpico di Roma, che avrà poi anche un quarto di finale. La FIGC comunica le modalità di accesso all’impianto per chi ha i biglietti.

“In occasione delle gare di UEFA EURO 2020, l’accesso allo Stadio Olimpico di Roma è riservato agli spettatori in possesso, unitamente al biglietto della partita con posto preassegnato, di una delle seguenti certificazioni:

  • Certificazione di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2, rilasciata da Autorità Sanitaria italiana. La validità è dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione della prima dose fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale (quando sono previste 2 dosi) e di 9 mesi dal giorno del completamento del ciclo vaccinale;
  • Certificazione di avvenuta guarigione, rilasciata da Autorità Sanitaria italiana. La validità del certificato è di 6 mesi dalla data di fine isolamento (guarigione);
  • Certificazione di negatività ad un test antigenico molecolare o rapido per la ricerca del virus SARS-CoV-2 (redatta esclusivamente in lingua italiana o inglese) effettuato in data non antecedente le 48 ore dall’inizio della gara *.

Non sarà consentito l’accesso in assenza di una delle suddette certificazioni, o qualora le stesse risultassero incomplete o non conformi alle indicazioni fornite.

Si ricorda che è obbligatorio presentarsi allo stadio con un valido documento di riconoscimento in originale (esempio: Passaporto; Carta di Identità).

Si ricorda di rispettare gli orari di arrivo allo stadio riportati sul biglietto e di presentarsi all’apposita entrata indicata sul titolo di accesso per consentire le operazioni di ingresso.

All’interno dello stadio è obbligatorio rispettare il posto assegnato sul biglietto e contrassegnato sulla seduta, mantenendo il distanziamento di 1 metro sia frontalmente che lateralmente. È altresì obbligatorio l’utilizzo della mascherina (preferibilmente di tipo chirurgico o FFP2), sia all’esterno che nelle sedute interne dello stadio.

* Vale a dire: non antecedente alle ore 21.00 del giorno 9 giugno per la prima gara; non antecedente alle ore 21.00 del 14 giugno per la seconda gara; non antecedente alle ore 18.00 del 18 giugno per la terza gara; non antecedente alle ore 21.00 del 1 luglio per il Quarto di Finale)”.

[Fonte: FIGC]