Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus

Doppietta di Romelu Lukaku e gol di Axel Witsel: il Belgio travolge l'Irlanda dopo l'intervallo e con questo 3-0 gli Azzurri sono sicuri del primo posto nel girone.

 

A Bordeaux il Belgio vince ma non convince pienamente. La squadra di Marc Wilmots batte l’Irlanda per 3-0 giocando un primo tempo molto pigro, ma riscattandosi alla grande nel secondo, e dimostrando di essere davvero inarrestabile quando ha spazio. I Diables Rouges sembrano almeno inizialmente soffrire i postumi di una sconfitta dolorosa all’esordio, e ne escono soltanto al 47' quando si portano in vantaggio con Romelu Lukaku. Il gioco dei belgi è abbastanza arioso e si affida quasi esclusivamente alla fantasia dei singoli, che hanno grande libertà di movimento: possiamo considerarlo un po’ croce e delizia degli uomini di Wilmots. Se da una parte i giocatori più tecnici hanno la possibilità di esprimere il 100% del proprio potenziale, la scarsa organizzazione di gioco non li mette nelle condizioni giuste per dare il massimo. Di certo la vittoria gli dà comunque la possibilità di poter continuare il loro cammino all’europeo, raggiungendo magari in futuro la giusta maturità per tener fede alle previsioni che la davano tra le favorite.

PRIMO TEMPO

Si evince già dalla formazione schierata da Wilmots la voglia di riscatto dei diavoli rossi che, dopo la sconfitta all’esordio, arrivano alla sfida di Bordeaux con il morale sotto i piedi. Il CT belga decide di cambiare a partire dal reparto arretrato, dove al posto di Ciman esordisce Meunier, uno dei terzini più sottovalutati dell’intera rosa. L’Irlanda risponde con un impercettibile turnover, che consiste sostanzialmente nel passaggio dal 4-3-1-2 al 4-4-2. Inizio intenso del Belgio che prova a far valere la sua superiorità tecnica, forte di una trequarti che, oltre a non dare punti di riferimento alla retroguardia avversaria, ha talento da vendere. Il gioco dei diavoli rossi si basa molto sulle sovrapposizioni di Vertonghen e Meunier, con quest’ultimo che per caratteristiche è più vocato a correre in lunghezza sulla fascia. Proprio dai cross larghi arrivano le prime occasioni per passare in vantaggio, ma non vengono sfruttate dai belgi anche a causa di un avversario che cerca di creare densità in area di rigore. Al 24’ i Diables Rouges passano in vantaggio su verticalizzazione di Dembélé per Carrasco, ma il gol viene annullato per fuorigioco. L’Irlanda continua a mantenere una mentalità piuttosto difensiva, affidandosi quasi esclusivamente ai lanci lunghi per Long, con il Belgio che in fase difensiva si schiera con il 4-4-1-1, specchiandosi nell’avversario. Il primo tempo, piuttosto noioso, si addormenta tra i piedi dei belgi che, negli ultimi 20 minuti, giocano praticamente da fermi e non verticalizzano mai.

SECONDO TEMPO

Il secondo tempo inizia in maniera aggressiva da parte di entrambe le compagini. Al 47’ il Belgio va in vantaggio: contropiede di De Bruyne che scatta sulla fascia, a quel punto Ferreira Carrasco taglia in area e libera una linea di passaggio per Romelu Lukaku che viene servito ed è libero di tirare in porta centrando l’angolino da fuori area. Emblematico l’abbraccio tra Romelu e Jordan, i due fratelli Lukaku. Da quel momento la partita diventa più vivace: l’Irlanda non può più accontentarsi di difendere e il Belgio gioca con più entusiasmo. Al 60’ Axel Witsel si inserisce magnificamente in area e sfrutta un cross di Meunier per segnare ancora. Da quel momento il Belgio domina spazi e pallone, con l’Irlanda che si accende a intermittenza ma non mette praticamente mai in difficoltà Courtois. Soltanto dieci minuti dopo Hazard sfrutta un passaggio del mai banale Meunier e dribbla anche il guardalinee prima di mettere Romelu Lukaku faccia a faccia con il portiere: 3-0 per il Belgio. Partita virtualmente chiusa con largo anticipo e tre punti tutto sommato meritati per i Diables Rouges, dai quali comunque dobbiamo aspettarci qualcosa in più sul piano tattico.

IL TABELLINO

Belgio (4-2-3-1): Courtois; Meunier, Alderweireld, Vermaelen, Vertonghen; Witsel, Dembélé (57’ Nainggolan); Ferreira Carrasco (63’ Mertens), De Bruyne, Hazard; R. Lukaku (81’ Benteke). Commissario tecnico: Wilmots
Irlanda (4-4-1-1): Randolph; Coleman, O’Shea, Clark, Ward; Hendrick, Whelan, McCarthy (63’ McClean), Brady; Hoolahan (71’ McGeady); Long (79’ Keane). Commissario tecnico: Ma. O'Neill
Arbitro: Cuneyt Çakir della federazione turca (Duran – Ongun; Bastien; Göçek – Simsek)
Reti: 48', 70' R. Lukaku, 61' Witsel
Ammoniti: Hendrick (I), Vermaelen (B)

Articolo scritto da ale_mitro45 (Twitter: @ale_mitro45)

[Immagine presa da uefa.com]