Europei, l’UEFA accoglie l’invito di Mancini: rose allargate a 26 convocati

0

L’UEFA accoglie un invito che, in primis, era arrivato da Roberto Mancini. Ai prossimi Europei sarà possibile convocare ventisei giocatori, anziché ventitré.

“Le rose per UEFA EURO 2020 saranno aumentate da ventitré a ventisei giocatori a seguito di una decisione del Comitato Esecutivo UEFA.

Per ridurre il rischio che le squadre si trovino a corto di giocatori per alcune partite a causa della positività al COVID-19 e della quarantena imposta dalle autorità competenti, si è deciso in via eccezionale di ampliare la rosa di tutte le squadre a ventisei giocatori.

Tuttavia, ventitré rimane il numero massimo di giocatori da inserire sul referto di ogni partita (come stabilito dall’articolo 3 del regolamento IFAB, che consente un massimo di dodici sostituti per le partite delle nazionali A), compresi tre portieri.

EUROPEI – SOSTITUZIONI NELLA LISTA CONVOCATI

Dopo l’invio della lista convocati (1 giugno 2021), le attuali regole consentono sostituzioni illimitate in lista in caso di infortunio o malattia grave prima della prima partita, purché le sostituzioni siano accompagnate da certificato medico.

Per chiarezza, i giocatori che risultano positivi a un test COVID-19 o vengono dichiarati contatti ravvicinati con un positivo al COVID-19 – e quindi messi in isolamento – per decisione delle autorità sono considerati casi di malattia grave: pertanto, possono essere sostituiti prima della prima partita con l’approvazione dell’amministrazione UEFA.

Le nuove regole consentono anche la sostituzione dei portieri prima di ogni partita del torneo in caso di incapacità fisica, anche se sono ancora disponibili uno o due portieri della lista.

Per garantire l’integrità della competizione, un giocatore escluso dalla lista convocati non può essere riammesso nella lista”.

[Fonte: uefa.com]