Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
L'Italia under-21 vince all'esordio contro la Danimarca per 2-0

Con la vittoria per 2-4 del Portogallo sulla Macedonia (vedi articolo) è chiaro il quadro per la scelta della migliore seconda agli Europei Under-21: questa sera l’Italia dovrà fare la corsa non solo su Germania e Repubblica Ceca ma anche sulla Slovacchia, che ha già finito il girone.

CLASSIFICA: Germania 6 (differenza reti +5, gol segnati 5), Repubblica Ceca 3 (differenza reti 0, gol segnati 3), Italia 3 (differenza reti 0, gol segnati 3), Danimarca 0 (eliminata).

La sconfitta per 3-1 di mercoledì contro la Repubblica Ceca ha complicato drammaticamente i piani dell’Italia per la qualificazione alle semifinali degli Europei Under-21. Vincere alle ore 20.45 non basterà, a meno che i cechi non facciano un passo falso contro la Danimarca già eliminata, ma da ieri sera con il quadro del Gruppo B è chiaro cosa serve per arrivare al primo posto oppure al secondo posto superando la Slovacchia, che al momento è la migliore seconda con sei punti, differenza reti +3 e sei gol segnati.

COSA SERVE ALL’ITALIA PER PASSARE?

Per stabilire la migliore seconda si utilizzano questi criteri:

– Maggior numero di punti;
– migliore differenza reti;
– maggior numero di gol segnati;
– minor numero di punti disciplina, calcolati con tre punti per un’espulsione e un punto per un’ammonizione;
– posizione nel ranking UEFA Under-21.

In caso di arrivo a pari punti nello stesso girone invece valgono questi criteri:

– Maggior numero di punti ottenuti nel girone fra le squadre in questione;
– miglior differenza reti negli scontri diretti;
– maggior numero di gol segnati negli scontri diretti;
– i tre criteri precedenti si riapplicano nel caso in cui il numero di squadre pari sia sceso ma ancora con un minimo di due, in caso di ulteriore parità si utilizzano le casistiche successive;
– miglior differenza reti generale;
– maggior numero di gol segnati;
– minor numero di punti disciplina, calcolati con tre punti per un’espulsione e un punto per un’ammonizione;
– posizione nel ranking UEFA Under-21.

In qualunque caso non si arriverà alla classifica disciplinare, almeno non per quanto riguarda l’Italia, che ha solo la vittoria come unico risultato possibile e questi scenari:

– Vincere contro la Germania con qualsiasi risultato in caso di mancato successo della Repubblica Ceca sulla Danimarca. Così l’Italia sarebbe prima nel girone a sei punti per aver vinto lo scontro diretto coi tedeschi (prima casistica in caso di arrivo a pari punti);
– vincere contro la Germania con almeno tre reti di scarto oppure con due reti di scarto ma segnandone almeno tre (3-1, 4-2, 5-3 eccetera) in caso di contemporaneo successo della Repubblica Ceca. Con tre o più gol di scarto Germania, Italia e Repubblica Ceca finirebbero tutte a sei punti, ma la classifica avulsa (prima casistica considerata) premierebbe gli Azzurrini per la miglior differenza reti negli scontri diretti. Con due gol di scarto segnandone almeno tre stessa casistica ma con differenza reti negli scontri diretti pari per tutte e tre (zero), in questo caso l’Italia sarebbe qualificata per il maggior numero di reti segnate sempre negli scontri diretti (almeno quattro).

Vincere 2-0 con contemporanea vittoria della Repubblica Ceca varrebbe l’eliminazione, perché conterebbe lo scontro diretto con i cechi per il primo posto (perso 3-1) e una minore differenza reti con la Slovacchia per la migliore seconda (+2 per l’Italia, +3 per gli slovacchi).

Difficile ma non impossibile: alle ore 20.45 gli Azzurrini saranno chiamati a riscattare la brutta prova di mercoledì, per evitare di uscire per la seconda volta al primo turno con tantissime recriminazioni, soprattutto per il turnover fatto dal CT Luigi Di Biagio.