Sarri si prende l’Europa League, il Chelsea straripa 4-1 sull’Arsenal

0

Una serata da ricordare per il Chelsea, che si aggiudica l’Europa League 2018-2019, battendo per 4-1 l’Arsenal a Baku. Blues che hanno giocato un brutto primo tempo, ma poi si sono svegliati nella ripresa con tre gol in un quarto d’ora che hanno tagliato le gambe agli avversari. Inutile il tentativo di reazione dei Gunners con lo splendido gol di Iwobi, perché Hazard ha puntualmente risposto con la doppietta personale che ha chiuso il discorso.

Sarri (forse all’ultima panchina con il Chelsea prima dell’approdo alla Juventus) riesce a recuperare in extremis Kanté che occupa regolarmente il suo posto a centrocampo, in avanti ci sono Pedro e Giroud insieme a Hazard, mentre dietro c’è Emerson a sinistra. Emery conferma le sensazioni della vigilia, con l’unica piccola sorpresa che è rappresentata da Monreal dal primo minuto nella linea a tre con Papastathopoulos e Koscielny, invece in avanti Özil fa il trequartista.

PRIMO TEMPO

La partita non è sicuramente tra le più spettacolari ed indimenticabili, soprattutto con il Chelsea molto contratto ed impreciso nel possesso palla. L’Arsenal si disimpegna meglio nei primi minuti e prova a anche a creare qualche pericolo in avvio con Aubameyang che calcia a lato una brutta respinta di Kepa su cross di Maitland-Niles e poi con un presunto contatto proprio tra il portiere e Lacazette, ma Rocchi lascia correre ed il VAR conferma. Per i molti errori su entrambi i lati del campo ne risentono soprattutto le occasioni da gol, tanto che bisogna attendere fino al 28′ per avere un sussulto con una gran botta di Xhaka dai venticinque metri che si perde di poco sopra la traversa. Nel finale si accendono finalmente anche i Blues, al 34′, Emerson si inserisce in avanti e riesce a trovare lo spazio per la conclusione con Čech che respinge senza troppe difficoltà. Cinque minuti più tardi è decisamente più complicato l’intervento di Čech, che salva con una grande parata una splendida combinazione a tre iniziata da un’imbucata di Hazard per Jorginho che, di prima, smarca Giroud che calcia, trovando l’opposizione dell’estremo difensore.

SECONDO TEMPO

Il Chelsea inizia con lo stesso atteggiamento del finale della prima frazione ed al 49′ trova subito il vantaggio con un’azione da destra a sinistra che libera per il cross Emerson, prima di tutti sul pallone arriva Olivier Giroud che, con uno splendido tuffo di testa, incorna sul primo palo alle spalle di un Čech impotente il suo undicesimo gol in questa Europa League. I Gunners provano a reagire immediatamente allo svantaggio, ma sono troppo disordinati in fase offensiva e non riescono a trovare le giuste misure per pungere Kepa. Si aprono così gli spazi in contropiede per gli uomini di Sarri che sono letali e firmano il raddoppio al minuto 60, quando Hazard riceve largo a sinistra ed appoggia rasoterra al limite dell’area per l’arrivo di Pedro Rodríguez che, con il mancino, incrocia nell’angolino il 2-0. La seconda rete taglia praticamente le gambe dell’Arsenal che crolla quattro minuti più tardi con Pedro che serve Giroud in area, Maitland-Niles lo tampona e Rocchi non ha dubbi nell’assegnare il rigore. Dagli undici metri va Eden Hazard che spiazza il portiere per il tris che mette in ghiaccio il successo. La finale sembra virtualmente conclusa qua, anche se a sorpresa gli uomini di Emery provano a tornare in partita, con Alex Iwobi che accorcia le distanze con un fantastico destro al volo incrociato da fuori area dopo una respinta della difesa avversaria. La sensazione di match riaperto dura, però, soltanto tre minuti, perché al 72′ si riaccende Eden Hazard: pallone recuperato da Emerson in pressing, Hazard guida l’azione, apre per Giroud che chiude il triangolo con uno splendido cross su cui il belga arriva prima di tutti per infilare la doppietta personale alle spalle di Čech. Sul 4-1 saltano gli schemi su entrambi i lati del campo e le occasioni fioccano, con i Blues che si trovano murati da Čech su Hazard e Willian, mentre i Gunners sfiorano la seconda rete con il neo entrato Willock che manda a lato di un soffio una splendida combinazione con Lacazette. Finisce così con il trionfo di Sarri e del Chelsea, con il primo trofeo internazionale per il tecnico ex Napoli, che potrebbe aver guidato gli inglesi per l’ultima volta, e con la seconda Europa League nella storia del club dopo quella del 2013-2014.

CHELSEA-ARSENAL 4-1 – IL TABELLINO

Chelsea (4-3-3): Kepa; Azpilicueta, Christensen, David Luiz, Emerson Palmieri; Kanté, Jorginho, Kovačić (76′ Barkley); Pedro (71′ Willian), Giroud, Hazard (89′ Zappacosta).
Arsenal (3-4-1-2): Čech; Papastathopoulos, Koscielny, Monreal (66′ Guendouzi); Maitland-Niles, Torreira (66′ Iwobi), Xhaka, Kolašinac; Özil (77′ Willock); Aubameyang, Lacazette.
Arbitro: Gianluca Rocchi
Ammoniti: Pedro, Christensen (C)
Reti: 49′ Giroud, 60′ Pedro, 65′, 72′ Hazard (C); 69′ Iwobi (A)

[Immagine presa da twitter.com]