L’Atalanta sogna per 83 minuti, poi Schmelzer manda il Borussia agli ottavi

0
Atalanta-Borussia Dortmund

Non è bastata un’altra ottima prestazione all’Atalanta che ha cullato il sogno degli ottavi di finale di Europa League fino all’83’, quando Schmelzer ha firmato la rete del pareggio. I nerazzurri erano passati in vantaggio in avvio di partita con Tolói e possono recriminare per almeno due occasioni clamorose non sfruttate a dovere.

Gasperini sceglie ancora Iličić in coppia con Gómez come all’andata con Cristante alle loro spalle, a centrocampo Hateboer e Spinazzola sono sugli esterni con de Roon e Freuler centrali, dietro Caldara è in mezzo. Stöger punta sul 4-2-3-1 con Götze trequartista alle spalle di Batshuayi e con Pulišić e Schürrle sulle fasce, in mediana la sorpresa è Şahin al fianco di Dahoud, invece in difesa Piszczek è a destra.

PRIMO TEMPO

L’Atalanta inizia bene e con personalità la partita, prendendo il controllo del possesso palla e costringendo il Borussia Dortmund nella propria metà campo. I nerazzurri riescono anche a trovare il vantaggio al primo affondo all’11’, quando su un corner da sinistra Bürki esce male disturbato da Caldara e Rafael Tolói sul secondo palo piazza la zampata per il gol dell’1-0. I tedeschi non riescono a reagire e rischiano di soccombere su un grande contropiede al 27′ con Gómez che serve un assist perfetto per l’inserimento di Cristante che, però, manda incredibilmente fuori di testa. Dopo la mezz’ora si risveglia il Borussia Dortmund con Schürrle che ci prova da oltre trenta metri, ma Berisha è attento e devia in tuffo. L’ultimo brivido è confezionato da de Roon che prima perde palla in uscita e poi sfiora l’autogol nel tentativo di recuperarla.

SECONDO TEMPO

Inizio di ripresa ancora con l’Atalanta molto aggressiva e che sfiora il raddoppio già nel corso del primo minuto del secondo tempo con un tiro di Freuler su cui Gómez non riesce ad intervenire per un soffio. Da dopo l’ora di gioco il Borussia Dortmund migliora il proprio palleggio e costringe gli uomini di Gasperini nella propria metà campo, ma i bergamaschi si difendono bene e non concedono grosse occasioni. Anzi, sono proprio i nerazzurri a sfiorare il raddoppio per due volte in contropiede tra il 70′ ed il 79′: prima Cristante lancia in profondità Iličić che cerca il palo lungo, ma il suo mancino esce di un soffio; poi di nuovo Cristante con un cambio gioco libera Gómez di fronte a Bürki, ma il Papu si fa murare dall’uscita del portiere. I tedeschi tornano a spingere con veemenza nei dieci minuti finali con all’81’ Reus che si prende il fondo ed appoggia all’indietro per Schürrle che colpisce a botta sicura, ma Berisha sfodera un super intervento e salva il vantaggio. Due minuti dopo però arriva il gol-beffa: Reus calcia in modo innocuo verso la porta, ma Berisha buca clamorosamente la presa e sulla ribattuta dell’albanese arriva Marcel Schmelzer che insacca a porta vuota la rete che vale la qualificazione. Gli ultimi assalti atalantini sono inutili e così è il Borussia Dortmund a passare agli ottavi di finale di Europa League.

IL TABELLINO

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Tolói (88′ Cornelius), Caldara, Masiello; Hateboer, de Roon (87′ Petagna), Freuler, Spinazzola; Cristante; Iličić, Gómez.
Borussia Dortmund (4-2-3-1): Bürki; Piszczek, Toprak, Papastathopoulos, Toljan (46′ Schmelzer); Dahoud (82′ Isak), Şahin; Pulišić (59′ Reus), Götze, Schürrle; Batshuayi.
Arbitro: Jesús Gil Manzano (ESP)
Ammoniti: Hateboer, Spinazzola (A); Papastathopoulos, Bürki (B)
Reti: 11′ Tolói (A); 83′ Schmelzer (B)

[Immagine presa da twitter.com]