Europa League, alle 21.05 l’andata dei quarti di finale: la Lazio va in Turchia

0

Ecco la preview dei quarti di finale di Europa League in programma questa sera, con tre incontri che riguardano le squadre inglesi e l’altro tra il Fenerbahçe e la Lazio, unica superstite italiana.

 

BENFICA-NEWCASTLE UNITED: i lusitani hanno fin qui sempre vinto nelle quattro sfide giocate in Europa League dopo la “retrocessione” dalla fase a gironi di Champions, ma non bisogna dare per spacciata la squadra di Alan Pardew che ha già fatto fuori i favoriti dell’Anzhi negli ottavi, reggendo l’urto a Mosca e vincendo in Inghilterra con un gol di Papiss Demba Cissé all’ultimo secondo. Nel Benfica probabile la conferma in attacco (oltre al bomber Cardozo) di Lima dopo la tripletta in campionato contro il Rio Ave, il Newcastle invece ritrova il portiere titolare Tim Krul dopo un lungo stop per un infortunio alla caviglia ma non recupera Ben Arfa.

CHELSEA-RUBIN KAZAN: si tratta della sfida più equilibrata dei quarti, entrambe le squadre hanno ottime possibilità di arrivare fino in fondo. Sia i Blues sia i russi hanno sofferto tra sedicesimi e ottavi ma poi sono stati in grado di superare i rispettivi avversari (il Rubin ha fatto fuori l’Atlético Madrid campione uscente) e gli ospiti hanno subito solo tre gol in cinque partite esterne durante tutta la competizione. Per Benítez da registrare le pesanti assenze di Ashley Cole e Gary Cahill, in avanti torna dal primo minuto Fernando Torres perché Demba Ba, autore di uno splendido gol Lunedì contro il Manchester United in FA Cup, non è in lista. Berdyev punta tutto sul venezuelano Rondón, uno dei migliori giocatori visti all’opera in questa stagione europea e a segno anche con la sua nazionale la settimana scorsa contro la Colombia.

FENERBAHÇE-LAZIO: torna il pubblico stasera al Sükrü Saracoglu dopo due partite a porte chiuse e il noto calore dei tifosi turchi sarà senza dubbio un incentivo in più per la squadra di Istanbul, che non ha entusiasmato nelle due gare senza i propri sostenitori sugli spalti. Attenzione però, perché la Lazio è l’unica formazione imbattuta in campo europeo tra quelle rimaste in corsa e ha segnato ben dieci gol tra sedicesimi e ottavi, divisi equamente tra casa e trasferta. I maggiori pericoli nei turchi saranno portati dal brasiliano Cristian, dall’olandese Kuyt e dal senegalese Moussa Sow, ma Petkovic può contare nuovamente sia su Hernanes sia soprattutto su Miroslav Klose, anche se il tedesco, soprattutto in vista del derby di Lunedì sera, dovrebbe partire inizialmente dalla panchina lasciando il posto di unica punta a Libor Kozák, capocannoniere con dieci reti tra playoff e fase finale e autore di una tripletta contro lo Stoccarda.

TOTTENHAM-BASILEA: il divario tecnico fra le due squadre è evidente e la sola presenza di Gareth Bale, squalificato al Meazza quando gli Spurs hanno rischiato una clamorosa eliminazione contro l’Inter (4-1 dopo i supplementari e passaggio del turno ottenuto solo grazie al gol fuori casa di Adebayor), dovrebbe garantire ai londinesi un grande vantaggio. Il Basilea però ha già buttato fuori Dnipro e Zenit e cercherà di resistere a White Hart Lane per poi puntare tutto sulla gara di ritorno nel fortino del Sankt Jakob-Park. Villas-Boas deve fronteggiare l’assenza dell’ultimo minuto di Defoe, out per un problema muscolare, problemi anche per gli svizzeri che hanno tre squalificati tra cui l’ottimo centrocampista Marcelo Díaz.

[Immagine presa da uefa.com]