Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Bernardeschi Borussia Mönchengladbach-Fiorentina

Nell’andata dei sedicesimi di finale di Europa League la Fiorentina ottiene una vittoria molto importante sul campo del Borussia Mönchengladbach, a decidere il match una stupenda punizione di Federico Bernardeschi a un minuto dalla fine del primo tempo.

Colpo grosso Fiorentina. I viola ottengono la loro prima vittoria in terra tedesca e ottengono un grande vantaggio in ottica qualificazione, superando per 0-1 il Borussia Mönchengladbach. Per un tempo è stata sofferenza pura degli uomini di Paulo Sousa, assediati e più volte a un passo dal subire l’1-0, poi sull’ultima azione prima dell’intervallo Federico Bernardeschi ha tirato fuori un colpo da maestro, uno spettacolare calcio di punizione nell’angolino che ha fatto tutta la differenza del mondo, perché il Gladbach non è più riuscito a confermare l’intensità mostrata sullo 0-0 e i gigliati tornano a Firenze con un prezioso punteggio da gestire. Fino all’84’ quello di Bernardeschi è stato l’unico tiro in porta ospite, testimonianza di come la partita l’abbiano fatta i tedeschi, ma il Borussia ha avuto un difetto non da poco, quello di non concretizzare le tantissime occasioni avute prima del 44′: un palo, un rigore negato, due gol mangiati dal capitano Lars Stindl ed ecco che la beffa si è materializzata per i Fohlen, fin qui imbattuti sotto la guida di Dieter Hecking e reduci da quattro vittorie consecutive. Bernardeschi ha interrotto una striscia di minuti senza gol subiti dai padroni di casa che durava da 370′, e il suo gol nel giorno del ventitreesimo compleanno potrebbe significare moltissimo per il passaggio agli ottavi.

PRIMO TEMPO

Il Borussia Mönchengladbach crea e gioca, alla Fiorentina basta un tiro per fare gol. Tante azioni dei tedeschi e pure in bello stile, al 14′ Johnson serve Herrmann che finta il tiro e tocca di suola verso Hazard, Tătăruşanu si oppone alla grande da pochi passi in due tempi ma non è finito certo il pressing dei Fohlen, che al 16′ si vedono negare un rigore per scivolata di Maxi Olivera che impedisce a Herrmann di impattare bene su cross dello scatenato Wendt. Fiorentina in grossa difficoltà a fermare il palleggio dei padroni di casa, serve arrivare fino al 37′ per vedere il primo tiro viola (Vecino destro da fuori a lato non di molto) ma questo non fa altro che risvegliare il Borussia, di nuovo pericolosissimo per due volte in un minuto: al 40′ Hazard pesca Herrmann sul secondo palo, lo scarico in mezzo per Stindl è un cioccolatino da mettere dentro ma il capitano alza incredibilmente sopra la traversa, sull’azione seguente Hazard crossa sul primo palo per Johnson che colpisce il palo e ancora Stindl manda la respinta sul fondo. Gli sprechi dei tedeschi vengono pagati al 44′, su punizione da venticinque metri Federico Bernardeschi pennella un sinistro strepitoso nell’angolino, imprendibile per Sommer. Come Cavani e Di María martedì contro il Barcellona anche il numero 10 viola festeggia il suo compleanno con un gol, un sigillo spettacolare per sbloccare un primo tempo complicato a un passo dall’intervallo.

SECONDO TEMPO

Si nota in maniera evidente che il Borussia Mönchengladbach abbia subito il contraccolpo psicologico del gol preso in chiusura di tempo e dopo aver controllato la partita per quarantaquattro minuti, i Fohlen non hanno più il ritmo forsennato visto prima dell’intervallo e la Fiorentina può difendersi senza grosse difficoltà. I viola concedono una chance all’ora di gioco, quando su un cross dalla destra Gonzalo Rodríguez liscia e regala palla a Fabian Johnson, ma il destro dell’americano è da dimenticare, più insidioso il contropiede ospite al 63′ con Kalinić che lancia Tello sulla destra, traversone basso al centro e Borja Valero in inserimento manda alto. Sousa toglie Bernardeschi per Cristóforo e passa al 4-4-1-1 per coprirsi meglio, visto che nel frattempo Hecking mette una punta vera (Drmić) per un difensore (Jantschke), la mossa è giusta perché di pericoli ne arrivano pochi, solo un sinistro di Wendt dal limite a lato (69′) e un colpo di testa di Drmić sul fondo (83′) su cross di Wendt, il migliore del Borussia assieme a Dahoud. Nel finale i viola tornano anche a tirare in porta, due conclusioni da fuori di Borja Valero e Babacar respinte da Sommer, nel primo dei tre minuti di recupero l’ultimo assalto produce un colpo di testa di Vestergaard, ma Tătăruşanu blocca sicuro.

Giovedì prossimo match di ritorno al Franchi alle ore 21.05, con la Fiorentina che dovrà difendere il risultato di oggi ricordandosi che in trasferta il Borussia Mönchengladbach ha cambiato marcia sotto Hecking (tre vittorie e un pareggio, fino all’anno scorso faticava tantissimo). In mezzo c’è il campionato: domenica per i viola posticipo al Meazza contro il Milan, mentre il Gladbach avrà una partita non semplice ricevendo il RB Lipsia secondo in Bundesliga.

IL TABELLINO

Borussia Mönchengladbach (4-4-2): Sommer; Jantschke (65′ Drmić), Christensen, Vestergaard, Wendt; Herrmann (77′ Hahn), Kramer, Dahoud, Johnson (77′ Korb); Hazard, Stindl. Allenatore: Hecking
Fiorentina (3-4-2-1): Tătăruşanu; C. Sánchez, G. Rodríguez, Astori; Tello (86′ Tomović), Badelj, Vecino, Maxi Olivera; Bernardeschi (64′ Cristóforo), Borja Valero; N. Kalinić (77′ Babacar). Allenatore: Paulo Sousa
Arbitro: Jesús Gil Manzano della federazione spagnola (Yuste – Nevado Rodríguez; J. Rodríguez; Del Cerro Grande – Sánchez Martínez)
Rete: 44′ Bernardeschi
Ammoniti: Bernardeschi, Badelj (F), Kramer (B)

[Immagine presa da uefa.com]