Bomber di coppa Livaja non basta, solo 2-2 per l’Inter contro il Neftçi

0

Pareggio tra nerazzurri e azeri nell’ultima giornata del girone H di Europa League, in una partita che poco aveva da dire ai fini della classifica con l’Inter già certa della qualificazione come seconda e il Neftçi già eliminato.

 

L’ultimo Giovedì di coppa del 2012 è stato il momento giusto per dare a diversi giovani della Primavera interista la possibilità della ribalta internazionale, con diversi ragazzini protagonisti con la squadra allenata da Bernazzani chiamati per l’esordio da titolari con i grandi o addirittura per il debutto assoluto da professionisti: è il caso di Simone Pasa, all’esordio con la prima squadra e lanciato dal 1′, e di Garritano, che aveva disputato da subentrato qualche minuto nella gara di andata poco più di due mesi fa, mentre sono confermati rispetto alla formazione di Kazan Belec, Benassi e Romanò. Dei titolari Stramaccioni sceglie solo Samuel, squalificato per la gara di Domenica contro il Napoli, e Cambiasso, che si piazza al centro della difesa (può essere un esperimento in vista proprio del posticipo con gli azzurri), Cassano va in panchina dopo aver saltato le ultime tre settimane di partite tra squalifiche e il riposo di Kazan. Si fanno sentire anche le assenze, non tanto per quelli lasciati a casa (Guarín, Milito, Zanetti giusto per fare tre nomi) quanto per Wesley Sneijder, ormai fuori rosa e non convocato neanche per questa partita, con l’annuncio dato dall’olandese su Twitter prima ancora del comunicato ufficiale che ha fatto piuttosto discutere nella vigilia. Il Neftçi si schiera con un 4-4-1-1, Canales unica punta con Imamverdiyev alle sue spalle. Serata fredda (termometro sotto lo zero) e pochissimi spettatori come d’altronde era ampiamente preventivabile.
PRIMO TEMPO
Bastano solo poco più di otto minuti per vedere la partita sbloccata dall’Inter: cross dalla sinistra di Álvaro Pereira, scivola Mitreski e liscia Tarlan Guliyev che lascia così via libera a Livaja, controllo e destro piazzato per battere Stamenkovic e fissare il risultato sull’1-0, terzo gol per il croato in questa fase a gironi di Europa League, aveva segnato già nelle prime due gare del girone, contro il Partizan e proprio all’andata a Baku. Ritmi piuttosto bassi, e non poteva essere altrimenti visto che la partita è poco più di un allenamento, il forcing dell’Inter resta comunque costante anche dopo il vantaggio e i nerazzurri creano altre due opportunità per andare a segno, al 18′ con Jonathan che si inventa una discesa “alla Maicon” ma conclude male e permette a Stamenkovic di respingere di piede, al 27′ su punizione Coutinho pesca sul secondo palo Samuel che colpisce di testa ma manda il pallone sul fondo. Il Neftçi crea poco e niente, primo tempo di assoluta tranquillità per Belec, Samuel e Cambiasso.

SECONDO TEMPO
Due cambi all’intervallo: Cassano prende il posto di Samuel (Pasa si sposta in difesa) nell’Inter e Mehdiyev quello di Shukurov nel Neftçi. Dopo sette minuti arriva a sorpresa il pareggio ospite con un gran tiro di collo-esterno destro da parte del capitano Rashad Sadygov che pesca l’angolino alto e quasi non crede alla prodezza da lui stesso compiuta che vale l’1-1. Non dura però molto il punteggio di parità, tempo due minuti e l’Inter trova nuovamente la via della rete, Nagatomo sfonda sulla sinistra e crossa in mezzo dove c’è solissimo Livaja che anticipa il portiere e realizza la sua prima doppietta da professionista, confermandosi ancor di più il bomber nerazzurro in Europa League, quarto centro in sei giornate, uno in meno di Palacio che però due gol li ha realizzati nel preliminare contro il Vaslui. Va vicino al 3-1 Coutinho subito dopo, su assist di Álvaro Pereira tocca ma è sfortunato nel rimpallo con Bertucci che salva la sua porta, al 67′ si fa vedere anche Cassano che calcia da dentro l’area ma trova l’opposizione di Mitreski che sfiora quanto basta per mettere il pallone in calcio d’angolo. L’Inter segnerebbe pure il gol della tranquillità ma né il guardalinee né il giudice di linea se ne accorgono: corner di Cassano che pesca tutto libero Cambiasso sul secondo palo, l’argentino aggira Stamenkovic e crossa per Livaja che sbaglia tutto e colpisce di sinistro centrando in pieno l’unico avversario appostato sugli oltre sette metri di larghezza della porta, Bertucci, che però rinvia quando il pallone aveva ampiamente superato la linea bianca, curioso che sia accaduto proprio nel giorno in cui al Mondiale per Club ha fatto il suo debutto la tecnologia per stabilire con certezza i casi di questo genere. Sfortunato anche Nagatomo, che all’87’ con un destro dal limite dell’area colpisce la traversa con la deviazione determinante di Stamenkovic, all’89’ arriva anche la beffa per l’Inter che subisce il gol del 2-2, lo realizza il cileno Nicolás Canales, già a segno all’andata ma per l’inutile gol dell’1-3, con un colpo di testa in ribattuta dopo una parata di Belec su tiro dal limite di Bertucci.

Pareggio che non cambia di una virgola la situazione del gruppo H: il Rubin è primo, l’Inter è seconda, Partizan e Neftçi eliminate. Nel sorteggio dei sedicesimi di Europa League, in programma a Nyon Giovedì 20 Dicembre alle ore 14, i nerazzurri pescheranno una tra le prime degli altri gironi esclusa la Lazio (Liverpool, Viktoria Plzen, Fenerbahçe, Bordeaux, Steaua Bucarest, Dnipro, Genk, Lione, Metalist Kharkiv o Hannover) oppure una delle quattro migliori terze dei gruppi di Champions League (Benfica, Chelsea, Cluj o Olympiakos). L’Europa League però tornerà solo a Febbraio, per Stramaccioni e i suoi giocatori ci sono adesso due mesi per pensare quasi esclusivamente al campionato, a partire dalla fondamentale sfida di Domenica sera contro il Napoli.

IL TABELLINO
Inter (4-3-1-2): Belec; Jonathan (63′ Bandini), Samuel (46′ Cassano), Cambiasso, A. Pereira; Benassi, Romanò, Pasa; Coutinho; Garritano (53′ Nagatomo), Livaja. Allenatore: Stramaccioni
Neftçi (4-4-1-1): Stamenkovic; Shukurov (46′ Mehdiyev), Mitreski, Guliyev, Bertucci; Wobay, Sadygov (77′ Seyidov), Ramos, Flavinho; Imamverdiyev (93′ Abdullayev); Canales. Allenatore: Hajiyev
Arbitro: Emir Aleckovic della federazione bosniaca (Draskovic – Turudic; Ibrisimbegovic; Piljav – Valjic)
Reti: 9′, 54′ Livaja (I), 52′ Sadygov, 89′ Canales
Ammoniti: Romanò, Livaja (I), Imamverdiyev, Seyidov (N)

[Immagine presa da it.uefa.com]