Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
UEFA Europa League

È vigilia della finale di Europa League: domani alle 20.45 si giocherà Ajax-Manchester United alla Friends Arena di Solna. Queste le precedenti finali giocate dai Red Devils in tutte le competizioni europee.

Vincendo domani in Svezia il Manchester United diventerebbe la quinta squadra ad aver vinto tutte e tre le principali competizioni UEFA, assieme ad Ajax, Bayern Monaco, Chelsea e Juventus. Nonostante ciò i Red Devils, contrariamente a quanto si possa pensare, sono alla loro prima finale in Europa League, contando anche quando il trofeo si chiamava Coppa UEFA, e a parte una di Coppa delle Coppe hanno solamente raggiunto l’ultimo atto fra Coppa dei Campioni e Champions League (cinque). Quella di domani sarà la decima totale complessiva, contando anche la Supercoppa Europea.

Il Manchester United è stata la prima squadra inglese a vincere la Coppa dei Campioni, nella stagione 1967-1968. La formazione allenata da Matt Busby, uno dei superstiti della tragedia di Monaco del 6 febbraio 1958 (lo schianto dell’aereo che trasportava la squadra di ritorno da una trasferta a Belgrado, con ventitré persone morte su quarantaquattro passeggeri fra cui otto giocatori), si presenta a Wembley il 29 maggio 1968 per sfidare il Benfica del grande Eusébio. Al 79′ Jaime Graça pareggia il vantaggio di Bobby Charlton, portando la gara ai tempi supplementari dove emerge tutto il genio di George Best, che al 92′ salta un difensore e si presenta solo davanti al portiere José Henrique, superato con una finta rimasta nella storia prima di mettere in rete il 2-1. Di Brian Kidd di testa e ancora del capitano Bobby Charlton i gol che fissano il punteggio sul 4-1, per il primo trionfo europeo.

Per un’altra finale bisogna però aspettare la stagione 1990-1991, complice sia un periodo buio del club (anche retrocesso dalla First Division nel 1974) sia il blocco delle partecipazioni alle coppe europee per le squadre inglesi dopo la tragedia dell’Heysel del 1985. È la Coppa delle Coppe, l’avversario è il Barcellona di Johan Cruijff a Rotterdam, in Olanda. Una doppietta di Mark Hughes, favorita anche da due uscite sbagliate del portiere catalano Carles Busquets, dà il successo alla squadra già allenata da Alex Ferguson (non ancora Sir), che vince 2-1 nonostante una punizione nel finale di Ronald Koeman. Nella stagione 1991-1992 arriva la vittoria nella Supercoppa Europea contro la Stella Rossa, 1-0 a Old Trafford con gol di Brian McClair al 67′.

La finale più famosa è però quella della stagione 1998-1999. Il 26 maggio 1999, al Camp Nou di Barcellona, il Bayern Monaco si porta in vantaggio al 5′ con un calcio di punizione di Mario Basler sul palo del portiere e ha diverse occasioni per raddoppiare, fermato più volte dai pali, ma nei tre minuti di recupero succede l’incredibile: su un calcio d’angolo battuto da David Beckham, con anche Peter Schmeichel in area, la palla rimane in area per un tempo lunghissimo e alla fine l’ultimo tocco di Teddy Sheringham la fa finire in rete. Sembra il gol che porta il match ai tempi supplementari, invece sempre su corner di Beckham ancora Sheringham fa sponda di testa per la deviazione di Ole Gunnar Solskjær (entrambi erano subentrati), che capovolge il risultato e dà un successo indimenticabile. Meno fortunata la Supercoppa Europea 1999-2000, dove al Louis II di Monte-Carlo la Lazio vince 1-0 con gol di Marcelo Salas.

L’ultimo trofeo è datato 2007-2008, sempre Champions League. Stavolta si tratta di un derby inglese a Mosca, contro il Chelsea di Avram Grant. Nel primo tempo segnano Cristiano Ronaldo e Frank Lampard, poi si va ai supplementari (dove viene espulso Didier Drogba) e quindi ai rigori: il portoghese sbaglia la sua battuta e i Blues trasformano i primi quattro, finché John Terry butta via il pallone della vittoria scivolando sul dischetto e mandando a lato, successivamente Edwin van der Sar para il tiro di Nicolas Anelka e riporta la coppa a Manchester dopo nove anni. Anche qui persa la Supercoppa Europea, 1-2 contro lo Zenit, ma il 2008-2009 vede anche la seconda finale consecutiva di Champions League, contro il Barcellona allo Stadio Olimpico di Roma. È la notte della grande affermazione di Pep Guardiola, che il 27 maggio 2009 si impone 2-0 con i gol di Samuel Eto’o e Lionel Messi, centrando un risultato memorabile e ripetendosi anche nel 2010-2011, a Wembley, stavolta 3-1 con Pedro, Lionel Messi e David Villa a segno, mentre per il Manchester United Wayne Rooney aveva firmato l’illusorio pareggio.