Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus

Questa è stata decisamente la stagione delle rimonte: se ne sono viste tantissime, da quella del Borussia Dortmund contro il Málaga in Champions League ai più recenti casi in Inghilterra con il 5-5 tra West Bromwich e Manchester United e il pazzesco finale di Watford-Leicester di Championship, ma quello che è successo in Messico merita senza dubbio un posto d’onore nella top five delle rimonte più incredibili dell’anno.

 

Nella finale della Liga MX il Cruz Azul aveva vinto 1-0 contro il Club América la gara di andata e doveva difendere il vantaggio nel mitico Estadio Azteca, uno degli impianti più famosi del mondo e teatro delle finali dei Mondiali del 1970 e del 1986 (oltre che dell’epico Italia-Germania 4-3). Per la Máquina non poteva esserci inizio migliore: dopo venti minuti era in vantaggio di un gol e di un uomo, per effetto dell’espulsione di Jesús Molina del Club América (fallo con chiara occasione da gol su Pablo Barrera) e della rete del colombiano Teófilo Gutiérrez. La partita sembrava ormai avviata verso la fine, quando il difensore ex Siviglia Aquivaldo Mosquera ha trovato di testa il gol dell’1-1, che ha riacceso le speranze del Club América a due minuti dal termine. A trenta secondi dalla fine il miracolo: su calcio d’angolo susseguente a una mischia in area, il portiere Moisés Muñoz ha colpito il pallone di testa in tuffo e, complice una deviazione di Alejandro Castro, ha realizzato il 2-1 che ha mandato le due squadre ai tempi supplementari. Ai rigori lo stesso Muñoz, indiscutibile eroe del campionato e ritornato a giocare di recente dopo un gravissimo incidente stradale, ha parato il primo penalty a Orozco, mentre il punto decisivo per la vittoria è stato messo a segno da Miguel Ángel Layún Prado, giocatore passato anche per la Serie A con una manciata di presenze all’Atalanta nella stagione 2009-2010 e contestato dai tifosi delle Águilas a inizio 2013 per alcune prestazioni negative con tanto di hashtag su Twitter. Il Club América ha così vinto il suo undicesimo titolo messicano, al termine di un sensazionale recupero che ha del miracoloso, nei due video gli highlights della finale e la serie completa dei calci di rigore.

[Immagine presa da record.com.mx]