Copa Libertadores, ritorno ottavi: il Boca Juniors elimina il Corinthians campione

0

Definite le qualificate ai quarti di finale della Copa Libertadores, con una serie incredibile di sorprese e risultati capovolti. Nel dettaglio il resoconto delle partite e gli accoppiamenti della prossima fase.

 

PALMEIRAS – TIJUANA 1-2 (andata 0-0) – 27′ Riascos, 52′ E. Arce, 62′ rig. Souza (P): i messicani proveranno a ripetere l’impresa del Chivas, ultima squadra non sudamericana (le rappresentanti del Messico sono incluse pur facendo parte della CONCACAF) a raggiungere la finale perdendo nel 2010 contro l’Internacional di Porto Alegre. In Brasile successo dei Xolos con l’enorme complicità del portiere del Palmeiras, Bruno, autore di una papera colossale su un tiro debolissimo di Riascos, poi nella ripresa il raddoppio di Arce con un bel tiro da fuori ha dato la certezza della qualificazione al Tijuana, e il rigore piuttosto dubbio realizzato da Souza ha solamente accorciato le distanze.

VÉLEZ SARSFIELD – NEWELL’S OLD BOYS 1-2 (andata 1-0) – 4′ Casco, 41′ Scocco, 83′ Ferreyra (V): grande impresa della Lepra che passa al José Amalfitani e ottiene il pass per un altro derby argentino, contro il Boca Juniors. Lo 0-1 dell’andata sembrava dare ampie garanzie di passaggio del turno al Vélez ma Milton Casco, dopo poco più di tre minuti dall’inizio della partita, ha rimesso in parità le sorti del doppio confronto. Il Fortín ha pagato tutta la fortuna avuta a Rosario colpendo due traverse nel primo tempo per poi subire poco prima dell’intervallo il raddoppio a opera del bomber Ignacio Scocco, uno dei migliori giocatori del continente (sembra che su di lui ci sia l’interesse di Catania e Torino), a segno grazie a un regalo di Juan Sabia. Nel finale l’1-2 di Facundo Ferreyra (capocannoniere dello scorso Torneo Inicial assieme proprio a Scocco) è servito solamente a dare qualche minuto di speranza al Vélez, che però non è riuscito a pareggiare.

CORINTHIANS – BOCA JUNIORS 1-1 (andata 0-1) – 26′ Riquelme (B), 51′ Paulinho: il Boca Juniors riscatta la sconfitta in finale dell’anno scorso ed elimina il Corinthians campione in carica, ma su questa partita pesano indiscutibilmente gli errori della terna arbitrale, perché nei primi minuti l’arbitro Carlos Amarilla non ha dato un rigore enorme al Timão (Marín schiaffeggia letteralmente il pallone per toglierlo dalla disponibilità di Emerson Sheikh) e sempre sullo 0-0 è stato annullato un gol a Romarinho per fuorigioco inesistente. Praticamente l’azione dopo questo secondo errore è arrivato un golazo di Juan Román Riquelme, un destro tremendo dalla fascia che si è insaccato sotto l’incrocio dei pali opposto, gol che ricorda molto quello segnato da Shevchenko contro la Juventus nel 2001. A questo punto servivano tre gol al Corinthians per passare, ne arriva soltanto uno, di Paulinho, anche per colpa di Pato che sull’1-1 si è divorato un gol fatto dopo aver saltato Orión lisciando il pallone e mandandolo fuori da dentro l’area piccola a porta vuota.

OLIMPIA ASUNCIÓN – TIGRE 2-0 (andata 1-2) – 52′ F. Bareiro, 65′ aut. Paparatto: l’infortunio di Rubén Botta (prossimo giocatore dell’Inter) nella gara di andata ha tolto al Tigre quasi ogni possibilità di andare avanti in Copa Libertadores, e senza il suo uomo migliore la squadra allenata da Néstor Gorosito ha perso quasi tutto il potenziale offensivo. L’Olimpia Asunción ha dovuto aspettare oltre un tempo per sfondare il muro argentino, poi ci ha pensato Fredy Bareiro con un sinistro dal limite dell’area a sbloccare la situazione, a metà ripresa è arrivato anche il raddoppio con una goffa autorete del difensore Norberto Paparatto, su tripla carambola in seguito a un calcio d’angolo.

INDEPENDIENTE SANTA FE – GRÊMIO 1-0 (andata 1-2) – 80′ W. Medina: settimana pessima per le squadre brasiliane, perché sono uscite tutte e tre lasciando solo Atlético Mineiro e Fluminense che si erano qualificate sette giorni fa. Il Grêmio ha resistito per ottanta minuti all’assedio dei colombiani, con Dida grande protagonista in due circostanze con parate di gran classe che quasi ricordavano i vecchi tempi al Milan, ma poi anche l’ex portiere della nazionale si è dovuto arrendere a Medina, autore di un bello slalom in area dopo una triangolazione con Omar Pérez.

QUARTI DI FINALE: non c’è sorteggio, gli accoppiamenti sono già stati definiti alla fine della fase a gironi con tabellone tennistico. La prossima settimana si giocheranno le sfide di andata, nella notte italiana tra Mercoledì e Giovedì Real Garcilaso-Independiente Santa Fe e Fluminense-Olimpia Asunción, nella notte fra Giovedì e Venerdì di scena il derby argentino Boca-Newell’s e in Messico il Tijuana ospiterà l’Atlético Mineiro di Ronaldinho.

[Immagine presa da ctpost.com]