Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus

Il turno preliminare di Copa Libertadores ha definito le ultime sei partecipanti alla fase a gironi: le grandi favorite Racing e São Paulo superano il turno ma non così facilmente, due partite si decidono invece negli istanti finali. Il pullman dell’Huracán si ribalta tornando dalla trasferta a Caracas.

 

La Copa Libertadores 2016 inizia con un forte spavento. Il pullman dell’Huracán, formazione argentina finalista della scorsa Copa Sudamericana, si è ribaltato mentre accompagnava la squadra all’aeroporto di Caracas e sette giocatori, più tre componenti dello staff tecnico, sono rimasti feriti. La situazione più grave riguarda il centrocampista Patricio Toranzo, trasportato in ospedale dove ha subito l’amputazione parziale di quattro dita del piede, dovrebbe poter continuare a giocare ma le sue condizioni sono quelle più serie. In campo il Globo aveva ottenuto la qualificazione al 92′, perché dopo aver vinto la gara d’andata 1-0 (gol dell’ex Inter e Palermo Mariano González) aveva subito la rimonta del Caracas, capace di andare sul 2-0 fino al recupero, dove di testa il subentrato Diego Mendoza ha firmato il 2-1 valso l’accesso ai gironi. Avanti il São Paulo, che supera l’Universidad César Vallejo non senza qualche sofferenza soprattutto nella gara d’andata, dove i peruviani erano passati in vantaggio con un golazo di Alejandro Hohberg (favoloso destro da venticinque metri all’angolino) prima di subire il pari su pallonetto di Jonathan Calleri, poi nel ritorno è stato tutto più semplice per i brasiliani, vittoriosi 1-0 con rete di Rogério e un rigore sbagliato sullo 0-0 dall’ex Roma Míchel Bastos. Discorso simile per il Racing, due volte sotto in casa dei messicani del Puebla e salvato da Bou e Noir, con il secondo match giocato in Argentina vinto anche qui 1-0, rete di Gustavo Bou. Delle grandi storiche del Sud America l’unica che stecca è l’Universidad de Chile, incapace di rimontare il 2-0 subito in Uruguay dal River Plate Montevideo con uno 0-0 al ritorno, qualificazione senza difficoltà per l’Independiente Santa Fe (campione in carica della Copa Sudamericana) con un complessivo 6-1 all’Oriente Petrolero, 1-3 in Bolivia e 3-0 in casa col difensore Yerry Mina che segna di testa la metà di questi sei gol. Emozioni fino all’ultimo secondo fra Club Guaraní e Independiente del Valle: gli ecuadoriani fanno valere il fattore campo vincendo 1-0, al ritorno Marcelo Palau pareggia il doppio confronto con una splendida mezza rovesciata, poi José Angulo segna il vitale gol in trasferta ma Hernán Rodrigo López riporta avanti i paraguayani di testa e avrebbe l’occasione di firmare la qualificazione su rigore al 96′, ma l’ex attaccante del Torino calcia alto scheggiando la traversa e fa sfumare le speranze dei suoi.

FASE A GIRONI

Gruppo 1: River Plate (Argentina), The Strongest (Bolivia), Trujillanos (Venezuela), São Paulo (Brasile)
Gruppo 2: Nacional Montevideo (Uruguay), Palmeiras (Brasile), Rosario Central (Argentina), River Plate Montevideo (Uruguay)
Gruppo 3: Boca Juniors (Argentina), Bolívar (Bolivia), Deportivo Cali (Colombia), Racing Club (Argentina)
Gruppo 4: Peñarol (Uruguay), Atlético Nacional (Colombia), Sporting Cristal (Perù), Huracán (Argentina)
Gruppo 5: Atlético Mineiro (Brasile), Colo-Colo (Cile), Melgar (Perù), Independiente del Valle (Ecuador)
Gruppo 6: San Lorenzo (Argentina), Grêmio (Brasile), LDU Quito (Ecuador), Toluca (Messico)
Gruppo 7: Olimpia Asunción (Paraguay), Emelec (Ecuador), Deportivo Táchira (Venezuela), Pumas (Messico)
Gruppo 8: Corinthians (Brasile), Cerro Porteño (Paraguay), Cobresal (Cile), Independiente Santa Fe (Colombia)

[Immagine presa da canchallena.lanacion.com.ar]