Porto-Roma ultima di Di Francesco? Pallotta furia: “Stufo di questa merda!”

0

Nottata di Champions League decisamente movimentata dopo Porto-Roma, con il 3-1 ai tempi supplementari su rigore assegnato dal VAR che ha eliminato i giallorossi (vedi articolo). Eusebio Di Francesco era a rischio e si era parlato di possibili dimissioni, ma adesso la società potrebbe decidere di esonerarlo: intanto, però, il presidente James Pallotta se la prende con l’arbitraggio.

Eusebio Di Francesco ha deciso di non presentarsi per le interviste nel post partita e per la conferenza stampa, nonostante il protocollo UEFA lo preveda. L’allenatore della Roma, dopo l’eliminazione dei giallorossi agli ottavi di finale di Champions League contro il Porto, è a rischio: secondo quanto riporta Sky Sport Di Francesco è in una fase di riflessione direttamente dall’Estadio do Dragão di Porto, ma allo stesso tempo la società valuterà durante la notte se mantenerlo o cacciarlo, con la decisione che è prevista per la mattina. La Roma rigiocherà lunedì 11 alle ore 20.30 contro l’Empoli nel posticipo della ventisettesima giornata di Serie A, con i giallorossi che lottano assieme a Inter, Lazio e Milan per gli ultimi due posti rimanenti per la prossima Champions League: da escludere, in caso di esonero, Paulo Sousa fra i possibili sostituti visto che è pronto a firmare col Bordeaux.

Nel frattempo, in attesa di chiarire la questione di Francesco, arriva una durissima presa di posizione del presidente della Roma, James Pallotta sull’arbitraggio. Attraverso l’account Twitter ufficiale della società ha appena rilasciato questo durissimo attacco: “Lo scorso anno abbiamo richiesto il VAR in Champions League perché ci avevano rovinato la semifinale e questa sera, nonostante ci fosse, siamo stati derubati. Patrik Schick è stato atterrato in area, il VAR lo dimostra, e non viene fatto niente. Sono stufo di questa merda. Non ho più parole!”