Juve e Bayern conquistano il primato. Goleade di Bayern e Chelsea. Pari del Barça con Messi K.O.

0

La Juve vince in Ucraina ed è prima. Anche il Bayern conquista il primato. Inutile la goleada del Chelsea mentre pareggia il Barça con Messi uscito in barella. Ecco i risultati di serata.

 

GRUPPO E: Grazie ad un autogol di Kucher la Juventus vince 1-0 e conquista il primato lasciano il secondo posto allo Shaktar (vedi articolo dedicato). Nell’altra partita del girone inutile la goleada del Chelsea ai danni dello Nordsjaelland. Prima che il risultato si sblocchi c’è il tempo di un errore dal dischetto per entrambe le squadre: prima Stokholm poi Hazard si fanno parare il rigore. Pochi minuti dopo c’è ancora un rigore per il Chelsea, dal dischetto si presenta Luiz che non sbaglia. Il gol dà morale ai blues che raddoppiano con Torres prima dell’intervallo. Nella ripresa dopo 20’’ i danesi trovano il gol con John, poi è un monologo inglese che con Cahill di testa, poi ancora con Torres con un tocco da distanza ravvicinata chiude il match. Nel finale Mata e Oscar fissano il punteggio sul 6-1. Chelsea che scende in Europa League candidandosi come un avversario temibile per le italiane per la vittoria finale.

Classifica: Juventus 12, Shakthar 10, Chelsea 10, Nordsjaelland 1.

GRUPPO F: Partite senza storia quelle di questo girone. Il Bayern stravince 4-1 contro il Bate e si aggiudica il primo posto nel girone. Sblocca il risultato Gomez dopo 22’. I restanti gol arrivano nella ripresa, prima però il Bayern resta in 10 uomini per il rosso a Boateng. All’8’ della ripresa Muller chiude la pratica con un piatto destro al volo. Nel frattempo anche il Bate resta in 10 e i tedeschi chiudono l’incontro con le reti di Shaqiri (di testa) e Alaba (con il sinistro su sviluppi di un corner). Inutile il gol nel finale di Filipenko che fissa il risultato sul 4-1 finale. Bate in Europa League. Nell’altra sfida del girone poche emozioni: vince il Valencia contro il Lille per 1-0 grazie al rigore trasformato da Jonas al 36’ del primo tempo. I francesi provano una reazione solo nel finale colpendo una traversa ma escono sconfitto e abbandonano l’Europa. Spagnoli che invece ottengono il secondo posto e proseguono il loro cammino in Champions.

Classifica: Bayern 13, Valencia 13, Bate 6, Lille 3.

GRUPPO G: Partita emozionante quella tra Barcellona e Benfica ma che termina a reti bianche. Il Benfica ha bisogno di una vittoria e contro il baby Barcellona sfodera un’ottima prestazione andando più volte vicino al vantaggio ma non riuscendolo a trovare mai anche per sfortuna (nel primo tempo i portoghesi colpiranno anche un palo). Nella ripresa nel Barça entra Messi nel tentativo di cercare il record di gol nell’anno solare, ci va vicino ma proprio nell’occasione migliore si fa male ed esce in barella. Si teme un infortunio al ginocchio per lui. Nel finale il Benfica sciupa la ghiotta occasione del vantaggio. Finisce 0-0, Barça primo e Benfica che scende in Europa League. Il Celtic nell’altra partita del girone vince contro lo Spartak Mosca già eliminato ma che sfodera una prestazione superlativa facendo soffrire gli scozzesi. Nel primo tempo il predominio del gioco è russo ma sono i padroni di casa a passare al minuto 21’ con Hooper che dal limite di destro realizza il gol del vantaggio su assist di Samaras. I russi non ci stanno a fare da vittima sacrificale e a 6 minuti dallo scadere del tempo trovano il pari con Ari. Il gol decisivo per la vittoria scozzese arriva nella ripresa su calcio di rigore a 8 dal termine: sul dischetto si presenta Commons che calcia potentissimo colpendo la traversa, la palla va sulla riga poi si insacca per il 2-1 finale. Celtic che prosegue l’avventura in Champions mentre lo Spartak era già eliminato.

Classifica: Barcellona 13, Celtic 10, Benfica 8, Spartak 3.

GRUPPO H: Il Manchester perde ancora (seconda sconfitta consecutiva dopo aver ottenuto la certezza del primato). Vince il Cluj che con merito guadagna i 3 punti all’Old Trafford con un gol fantastico da parte di Luis Alberto che all’11’ della ripresa fa partire dalla trequarti un tiro di destra che finisce sotto l’incrocio, imprendibile per De Gea. Anche se nel primo tempo, soprattutto nella seconda parte, il Manchester ha avuto le sue occasioni per portarsi in vantaggio, ma nella ripresa pare che gli uomini di Ferguson avessero già la testa al derby del prossimo week-end. Cluj che vince ma che scende il Europa League causa la vittoria del Galatasaray di Terim in Portogallo. I turchi però nel primo tempo praticamente non giocano, subiscono un Braga straordinario che vuole onorare l’ultima partita in Europa per quest’anno essendo già eliminati. Portoghesi che creano parecchie occasioni da gol fino al vantaggio meritato con Mossoro. Nella ripresa Terim rivoluziona la squadra e il Galatasaray cambia faccia. I turchi si riversano in avanti: prima trovano il pari con solito B. Yilmaz al 12’ della ripresa con una splendida torsione di testa (l’attaccante sale a quota 6 come Ronaldo) e poi trovano il vantaggio con A. Yilmaz che al minuto 33 della ripresa raccoglie una ribattuta del portiere sul tiro di Felipe Melo e realizza l’1-2 decisivo che vale la qualificazione per i suoi.

Classifica: Manchester United 12, Galatasaray 10, Cluj 10, Braga 3.

Samuele Zaboi

Foto da: www.uefa.com