Il Liverpool gioca, ma Messi è fuori dalla logica: il Barcellona vince 3-0

0

Tutti si aspettavano una finale anticipata e lo è stata, con Barcellona e Liverpool che hanno dato vita ad una partita pazzesca, di cui il 3-0 alla conclusione non rende giustizia. Equilibrio fin dal primo minuto con gli spagnoli in vantaggio nella prima frazione grazie alla zampata di Suárez. Nella ripresa inizio sontuoso dei Reds che dominano al Camp Nou e sfiorano il pari in più occasioni, poi nel quarto d’ora finale si accende la stella di Messi che firma una doppietta, strepitoso il gol su punizione, che fissa il punteggio finale. Ritorno tra una settimana ad Anfield con gli inglesi chiamati ad un’impresa che sarebbe oltre l’incredibile.

Una sorpresa per parte nei ventidue titolari: Valverde rinuncia ad Arthur dal primo minuto per puntare sull’esperienza di Vidal insieme a Rakitić e Busquets; mentre Klopp è ancora più radicale con l’esclusione di Firmino per avere la solidità di Milner e Keïta con Fabinho in mezzo e l’avanzamento di Wijnaldum nel reparto avanzato con Mané e Salah.

PRIMO TEMPO

Il ritmo e la qualità tecnica che vengono messi in campo fin dal primo minuto sono semplicemente incredibili con Barcellona e Liverpool che si sfidano in campo aperto senza esclusione di colpi. Transizioni continue da una parte e dall’altra, con giocate offensive di livello sublime, ma che vengono arginate anche da due difese perfette nei primi minuti che non concedono nessuna occasione. La prima conclusione in porta della serata è per i padroni di casa con Coutinho che ci prova dai venti metri, ma Alisson è attento e blocca a terra. L’equilibrio è evidente, ma è evidente anche la sensazione che si possa spezzare in ogni momento ed il momento arriva al minuto 26: Vidal cambia gioco per Coutinho, appoggio per l’arrivo di Jordi Alba che disegna un cross tagliato a pelo d’erba su cui si muove Luis Suárez con van Dijk che non legge il movimento, in spaccata l’ex del match batte Alisson e firma il suo primo gol in questa Champions League. Gli uomini di Klopp ovviamente non ci stanno a chiudere in svantaggio, reagiscono con veemenza e la grande opportunità per il pari è al 35′ con Henderson che mette Mané di fronte a ter Stegen, ma l’attaccante sbaglia la misura del pallonetto e manda sopra la traversa.

SECONDO TEMPO

Ad inizio ripresa scema l’equilibrio, perché il Liverpool si mette incredibilmente a dominare, costringendo i padroni di casa nella propria metà campo e senza mai riuscire ad uscire. Il Barcellona soffre e si deve attaccare soprattutto a ter Stegen che nei giro di sei minuti, tra il 47′ ed il 53′, sfodera due interventi strepitosi su Milner e Salah per mantenere il vantaggio. Gli uomini di Valverde continuano a faticare ed i Reds producono un’altra azione pazzesca all’ora di gioco: van Dijk si inventa un lancio di sessanta metri per Salah, stop incredibile dell’egiziano che crossa rasoterra, velo di Wijnaldum per Milner che calcia un rigore in movimento, ma manda la conclusione centrale e ter Stegen mura. Dopo l’ora di gioco cala il ritmo furioso degli inglesi e torna l’equilibrio e, proprio nell’equilibrio, esce fuori un Messi straordinario. Al 75′ Fabinho lo chiude, ma la sua scivolata favorisce l’inserimento in area di Sergi Roberto che tocca per Suárez che, a porta vuota, manda con il ginocchio sulla traversa, ma sulla ribattuta il più veloce ad arrivare è proprio Leo Messi che controlla con il petto ed appoggia nella porta sguarnita il raddoppio. La vera magia Leo Messi la firma al minuto 82 con una pazzesca punizione da quasi trenta metri che si spegne proprio all’incrocio dei pali con Alisson che, pur volando, non riesce ad arrivare sul pallone per negare al numero 10 la rete numero 600 in carriera. I blaugrana si distraggono dopo l’incredibile rete del proprio capitano e rischiano di subire gol due minuti dopo su un’azione confusa che porta Firmino a calciare in area, ter Stegen è battuto e Rakitić salva sulla linea, il pallone arriva a Salah che calcia a botta sicura, ma il suo destro si stampa sul palo. Nel recupero clamorosa occasione per Dembélé che si trova di fronte ad Alisson su assist di Messi, ma il francese colpisce malissimo ed il brasiliano blocca. Il Barcellona ipoteca così la finale con un 3-0 pesantissimo e probabilmente neanche meritato del tutto contro un Liverpool di altissimo livello, ma che ha pagato la solita strepitosa prestazione di Messi.

BARCELLONA-LIVERPOOL 3-0 – IL TABELLINO

Barcellona (4-3-3): ter Stegen; Sergi Roberto (93′ Aleña), Piqué, Lenglet, Jordi Alba; Rakitić, Busquets, Ar. Vidal; Messi, L. Suárez (93′ O. Dembélé), Coutinho (60′ Semedo).
Liverpool (4-3-3): Alisson; Gomez, Matip, van Dijk, Robertson; Milner (85′ Origi), Fabinho, Keïta (24′ Henderson); Salah, Wijnaldum (79′ Firmino), Mané.
Arbitro: Björn Kuipers (OLA)
Ammoniti: Lenglet, Jordi Alba, Suárez (B); Fabinho (L)
Reti: 26′ Suárez, 75′, 82′ Messi (B)

[Immagine presa da twitter.com]