Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Il Real Madrid batte 4-1 la Juventus in finale di Champions League

Il Real Madrid annienta la Juventus in finale, netta vittoria per 4-1 dei blancos che vincono così la propria dodicesima Champions League e diventano la prima squadra a realizzare il back-to-back con la nuova formula.

Allegri conferma le sensazioni della vigilia e vara il 4-2-3-1 con il terzetto composto da Dani Alves, Dybala e Mandžukić alle spalle di Higuaín, in mediana diga formata da Khedira e Pjanić, in difesa Barzagli scala terzino destro con Alex Sandro dall’altra parte. Anche Zidane non sorprende con Isco titolare dal primo minuto con Bale in panchina, il tridente è naturalmente completato da Benzema e Cristiano Ronaldo, a centrocampo spazio per Casemiro con Modrić e Kroos, dietro Varane affianca Ramos.

PRIMO TEMPO

L’approccio della partita è totalmente a favore della Juventus, che chiude nella propria metà campo il Real Madrid. A suonare la carica è l’ex Higuaín al 4′, quando salta due avversari e lascia partire una gran botta di destro dai venti metri che Navas controlla a fatica in due tempi. Il portiere costaricano è però strepitoso tre minuti più tardi: Pjanić raccoglie una respinta corta al limite dell’area della difesa, controllo e destro a pelo d’erba diretto nell’angolino basso, ma strepitoso intervento dell’estremo difensore che salva. Con il passare dei minuti avanza il baricentro dei blancos che trovano addirittura il vantaggio al primo affondo al minuto 20: Carvajal gode di spazio per inserirsi a destra, appoggio all’indietro per Cristiano Ronaldo che, appena all’interno dell’area, trova il piatto giusto per fulminare Buffon, anche con l’aiuto di una leggera deviazione di Bonucci. I bianconeri si allungano in campo e rischiano di subire il raddoppio con Isco che, tuttavia, fallisce clamorosamente il controllo al limite dell’area. Così al 27′ arriva il pareggio: Alex Sandro crossa in mezzo per Higuaín, appoggio del Pipita per Mario Mandžukić che controlla di petto e poi si inventa una fantastica rovesciata che supera Navas e fa esplodere il popolo bianconero. Gli uomini di Zidane si rivedono in avanti poco dopo, quando Isco crossa sul secondo palo con Ronaldo tutto solo che colpisce malissimo e mette a lato da ottima posizione.

SECONDO TEMPO

Il Real Madrid alza notevolmente i ritmi del pressing fin dall’inizio della ripresa e la Juve fatica terribilmente anche solo a superare la metà campo. Il primo brivido lo firma Modrić con un tiro da fuori che Buffon blocca. Al minuto 61 si spezza l’equilibrio: Casemiro arriva su una respinta della difesa juventina e lascia partire un gran destro che viene deviato da Khedira e non lascia scampo a Buffon per il 2-1. Gli uomini di Allegri accusano il colpo e tre minuti più tardi arriva pure il tris: strepitosa azione di Modrić che recupera palla e poi crossa sul primo palo per l’arrivo di Cristiano Ronaldo che, tutto solo, non può sbagliare da due passi e firma così la doppietta personale. I merengues continuano a dominare completamente il match e sfiorano la quarta rete ancora con Ronaldo che mette alto un grande assist di Marcelo. La Juventus ha l’occasione per rientrare in partita su una palla inattiva all’82’, quando Alex Sandro svetta su tutti e mette a lato di pochissimo. I bianconeri rimangono anche in dieci all’84’, con Brych che estrae il secondo giallo per Cuadrado dopo un presunto pestone del colombiano su Ramos. Il punto finale esclamativo arriva al 91′, quando Marcelo sfonda a sinistra e crossa sul secondo palo per Marco Asensio che appoggia in rete da due passi il definitivo 4-1. Si tratta del dodicesimo trionfo in Champions League del Real Madrid, che torna a vincere la massima competizione europea e la Liga nella stessa stagione, fatto che non accadeva dal 1957/1958. Per la Juventus è la settima finale di Champions League persa, la seconda in tre anni.

IL TABELLINO

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Barzagli (66′ Cuadrado), Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Pjanić (71′ Marchisio), Khedira; Dani Alves, Dybala (78′ Lemina), Mandžukić; Higuaín.
Real Madrid (4-3-3): Navas; Carvajal, Varane, Ramos, Marcelo; Modrić, Casemiro, Kroos (89′ Morata); Isco (82′ Asensio), Benzema (77′ Bale), C. Ronaldo.
Arbitro: Felix Brych (GER)
Ammoniti: Dybala, Pjanić, Alex Sandro (J); Ramos, Carvajal, Kroos, Asensio (R)
Espulsi: 84′ Cuadrado (J)
Reti: 27′ Mandžukić (J); 20′, 64′ Ronaldo, 61′ Casemiro, 91′ Asensio (R)

[Immagine presa da uefa.com]