C’è speranza per il Napoli! 3-0 rifilato allo Shakhtar Donetsk

0

Un gioiello di Lorenzo Insigne sblocca la partita contro lo Shakhtar Donetsk e stappa il Napoli, che vince 3-0 e tiene ancora aperta una speranza qualificazione agli ottavi di Champions League.

Davano per spacciato il Napoli di Maurizio Sarri, ma senza contare la grinta, la rabbia e la voglia di riscattarsi da parte di Lorenzo Insigne. Il miglior giocatore italiano in questo momento ribadisce la sua forma così vivida e l’assurda presenza in panchina contro la Svezia, facendo capire ancora una volta quanto ha sbagliato Gian Piero Ventura a tenerlo fuori. Dopo il magnifico gol che ha fatto questa sera, fa capire la competenza dell’ormai ex CT. Seconda vittoria in Champions League, sei punti e si spera ancora: all’ultima contro il Feyenoord ormai fuori di tutto, ma servirà anche la vittoria del Manchester City in Ucraina fra due settimane.

PRIMO TEMPO

Si vedono sotto ritmo entrambe le squadre, gli ospiti devono fare possesso palla, i padroni di casa devono fare la partita. Parte forte il Napoli al 2′ di gara, taglio classico di Insigne per Callejón, all’ultimo il portiere Pyatov sventa il pericolo. Al 28′ destro a giro di Insigne, ancora Pyatov vola e mette in corner. Poche azioni, Sarri vuole una svegliata anche perché lo Shakhtar rischia di passare con un sinistro di Marlos respinto da Reina.

SECONDO TEMPO

Le cose cambiano, Napoli molto più aggressivo e vispo, c’è voglia di qualificazione. Al 56′ c’è bisogno del genio del magnifico Lorenzo Insigne, che da quasi trenta metri nella sua posizione spara un destro a giro largo dritto nel sette, dove Pyatov non può farci nulla. Gol spettacolo per il giovane di Frattamaggiore ed è 1-0. Poco dopo, Mertens dopo un errato disimpegno ucraino si trova alle spalle del portiere, sbuca da dietro e suggerisce per Zieliński ma a porta vuota il polacco sbaglia e manda alto. Al 81′ proprio Piotr Zieliński si rifà del suo errore: Mertens affonda in area, sotto porta suggerisce per l’ex Empoli e con un piatto destro, sotto la traversa, sigla il raddoppio e primo gol per lui in Champions League. Partita finita, anche Dries Mertens partecipa dopo una parata di Pyatov su Albiol, salta e di testa da due passi sigla il terzo gol.

Triplice fischio dell’arbitro Skomina, il Napoli riaccende le speranze dei tifosi ma ci vogliono ben due risultati a favore, non impossibile ma nemmeno facile. Per gli azzurri ora l’Udinese.

[Immagine presa da corrieredellosport.it]