Adrián regala la Supercoppa Europea al Liverpool, Chelsea battuto ai rigori

0

Sono serviti i calci di rigore per decidere una Supercoppa Europea molto equilibrata, che alla fine ha, tuttavia, premiato il Liverpool vincitore della Champions League. Reds che non hanno giocato benissimo, finendo in svantaggio contro un ottimo Chelsea che ha avuto il predominio per lunghi tratti del match, ma alla fine ha pagato le disattenzioni all’inizio del secondo tempo e della prima frazione dei supplementari. Nei penalty finali decisiva la parata di Adrián al quinto rigore su Abraham.

Klopp sceglie una squadra più difensiva con Gomez nel ruolo di terzino destro e Oxlade-Chamberlain nel tridente avanzato insieme a Salah e Mané, a centrocampo ci sono Henderson e Milner con Fabinho. Lampard punta su Zouma e Christensen al centro della difesa con Kanté recuperato in mediana, invece in avanti Pedro e Pulišić sono i due partner di Giroud.

PRIMO TEMPO

I primi minuti sono maggiormente a favore del Liverpool che riesce ad aggredire con molta efficacia la prima costruzione degli avversari, recuperando così il pallone in zona offensiva e tentando di ribaltare subito l’azione. Tuttavia, dopo venti minuti di partita in cui si fanno preferire i Reds, esce un Chelsea rivitalizzato che si accende al minuto 22 con Pedro che ottiene il dai-e-vai con Giroud, arriva di fronte ad Adrián da posizione defilata e calcia di potenza, ma la traversa gli nega la rete. Due minuti dopo è lo stesso attaccante francese a gettarsi su un pallone vagante in area di rigore, ma la sua rovesciata è completamente fuori misura. Gli uomini di Klopp soffrono, ma prima della mezz’ora hanno l’occasione per il vantaggio con van Dijk che salta più in alto di tutti su corner, Kepa sbaglia il tempo dell’uscita, ma il pallone si perde alto. Sono comunque i londinesi ad avere il predominio territoriale e del gioco, con i propri offensivi molto propositivi: al 32′ Pedro si inventa un filtrante delizioso per l’inserimento di Kovačić, ma Adrián è perfetto in uscita e riesce a chiudere. Il gol è nell’aria ed è soltanto rimandato di quattro minuti, quando Kanté firma il solito break in mezzo al campo e serve Pulišić sulla trequarti; l’ex Borussia resiste alle cariche degli avversari e trova il suggerimento in profondità per Olivier Giroud che, con il mancino di prima, incrocia bruciando Adrián per un 1-0 più che meritato. Il Liverpool continua a capirci poco e rischiano di crollare poco dopo, ma la splendida rete di Pulišić viene annullata per fuorigioco.

SECONDO TEMPO

Il grande primo tempo del Chelsea viene, tuttavia, vanificato dall’uscita dai blocchi della ripresa. Klopp inserisce Firmino ed il brasiliano è subito decisivo per il pareggio: Fabinho rimette nel cuore dell’area con il destro al volo e pesca proprio il numero 9 che, di fronte a Kepa, appoggia lateralmente per Mané che calcia a botta sicura ma Kepa respinge, però sul pallone torna proprio Sadio Mané che a porta vuota mette in rete il pareggio. La rete accende lo spirito del Liverpool che inizia a volare nel pressing, con i Blues che iniziano a capirci molto poco e rischiano anche su un gran destro di Fabinho che non si perde lontano dai pali. Dopo questa prima fase tornano a crescere gli uomini di Lampard, il match torna equilibrato e i ritmi diminuiscono perché cresce la stanchezza. In una situazione bloccata come questa possono essere le palle inattive a fare la differenza e al 75′ uno schema dei Reds pesca Wijnaldum in area, appoggio per Salah che incrocia con il mancino, ma Kepa salva in tuffo; sulla ribattuta arriva van Dijk che va sul pallone a botta sicura, ma Kepa è strepitoso e riesce a deviare con l’aiuto della traversa.

TEMPI SUPPLEMENTARI

Si va così ai supplementari che il Liverpool inizia benissimo: al 95′ Sadio Mané avvia la transizione, appoggio in profondità per Firmino che si prende il fondo e serve indietro proprio il numero 10 che insacca sotto la traversa una splendida doppietta personale. La reazione del Chelsea è imponente con Jorginho che manda in porta Abraham, ma Adrián salva miracolosamente. Tuttavia, al 99′ Pedro crossa e Adrián in uscita travolge proprio Abraham: Frappart non ha dubbi e assegna il rigore. Dagli undici metri va un glaciale Jorginho che spiazza facilmente Adrián per il nuovo pareggio. Anche nel resto dei minuti dei supplementari sono i Blues a farsi preferire, ma Abraham cestina a porta sguarnita, Adrián salva bene su Mount e Pedro calcia fuori di un soffio dal limite dell’area.

CALCI DI RIGORE

L’inizio è perfetto per Liverpool e Chelsea, con tutti e quattro i primi tiratori che vanno a segno nonostante due brividi con Kepa che tocca su Origi e Alexander-Arnold. Si arriva così al quinto giro decisivo, con Salah che rimane freddissimo e va a segno, mentre Abraham calcia malissimo e Adrián diventa l’eroe della serata, facendo vincere al Liverpool la quarta Supercoppa Europea della propria storia.

LIVERPOOL-CHELSEA 7-6 d.c.r. (2-2) – IL TABELLINO

Liverpool (4-3-3): Adrián; Gomez, Matip, van Dijk, Robertson (91′ Alexander-Arnold); Henderson, Fabinho, Milner (65′ Wijnaldum); Salah, Mané (103′ Origi), Oxlade-Chamberlain (46′ Firmino).
Chelsea (4-2-3-1): Kepa; Azpilicueta, Christensen (84′ Tomori), Zouma, Emerson Palmieri; Kovačić (101′ Barkley), Jorginho, Kanté; Pedro, Giroud (74′ Abraham), Pulišić (74′ Mount).
Arbitro: Stéphanie Frappart (FRA)
Ammoniti: Henderson, Alexander-Arnold (L); Azpilicueta (C)
Reti: 48′, 95′ Mané (L); 32′ Giroud, 101′ Jorginho (C)
Sequenza calci di rigore: Firmino gol (L); Jorginho gol (C); Fabinho gol (L); Barkley gol (C); Origi gol (L); Mount gol (C); Alexander-Arnold gol (L); Emerson Palmieri gol (C); Salah gol (L); Abraham parato (C)

[Immagine presa da twitter.com]