Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus

A Langtree Park il Liverpool batte i nerazzurri 4-1 grazie alle doppiette di Coady e Yesil, ottenendo così la qualificazione come una tra le migliori terze. L’Inter, già qualificata, nonostante la pesante sconfitta termina il girone al primo posto grazie ai risultati ottenuti negli scontri diretti contro il Rosenborg, che passa al turno successivo da seconda.

 

I padroni di casa si schierano con Fulton tra i pali, McLaughlin, Jones, Jokolik e Smith in difesa; Coady e Pelosi sulla mediana; Sinclair, Adorján e Ibe a supporto dell’unica punta Yesil.
L’Inter risponde con uno speculare 4-2-3-1: davanti a Smug, linea difensiva composta da Paramatti, Zaro, Pasa e Ferrara; coppia di centrocampo formata da Benassi e Olsen; Belloni, Bocar e Bangoura dietro a Pedrabissi.
 
PRIMO TEMPO – La prima conclusione verso la porta è per l’Inter, quando Bocar, dopo nemmeno 30 secondi dal fischio d’inizio, calcia dalla distanza con la conclusione che si spegne di poco sul fondo.
Il Liverpool, come da pronostico, inizia fin da subito a fare la partita, senza però creare reali pericoli per la porta di Smug. Al contrario, un errore di Adorján fornisce un assist d’oro a Pedrabissi, che viene fermato da un grande intervento dello stesso avversario appena prima di calciare verso la porta.
I Reds passano comunque in vantaggio alla mezzora, grazie al calcio di rigore battuto da Coady: decisione corretta dell’arbitro, che va a punire una grande ingenuità di Ferrara.
Dopo lo svantaggio i nerazzurri vanno in confusione, e al 35’ il Liverpool trova il raddoppio con Yesil, bravo a sfruttare un’altra disattenzione della difesa interista, questa volta di Paramatti (figlio d’arte, il padre Michele ha giocato tra le altre per Bologna e Juventus, vincendo anche lo scudetto 2001/2002), a saltare Smug e a calciare in rete ormai a porta vuota.
Prima dell’intervallo l’ultima occasione è per l’Inter, con il tentativo di Belloni fermato dalla difesa avversaria.
 
SECONDO TEMPO – Al 60’ l’Inter riesce a trovare il gol che accorcia le distanze con Benassi, bravo a ribadire in rete un colpo di testa del neo entrato Forte salvato sulla linea da un difensore di casa.
Passano solamente tre minuti, e il Liverpool trova il gol del 3-1: dopo una grande azione personale, Ibe scarica sulla destra a McLaughlin, che mette in mezzo per Yesil il quale, indisturbato, realizza il suo secondo gol della serata.
L’Inter sembra più in difficoltà, sia dal punto mentale sia, soprattutto, da quello fisico, e l’unica occasione degna di nota è un tiro di Forte dalla distanza che si spegne sul fondo.
Al 77’ arriva il quarto gol del Liverpool, ancora su calcio di rigore; Pasa sembra intervenire sul pallone, ma Backhouse fischia il penalty. Dal dischetto, Coady batte Smug per la seconda volta e porta i suoi sul 4-1.
 
Nonostante la sconfitta, forse anche un po' eccessiva nel risultato, l’Inter riesce a qualificarsi come prima del girone; sabato la aspetterà un’altra gara importantissima, lo scontro diretto contro l’Atalanta nella prima giornata di campionato del 2013.
Il Liverpool, che dopo le prime tre gare del girone era ancora fermo a quota 0, trova un’insperata qualificazione, come una delle migliori terze, grazie a tre vittorie consecutive nelle ultime gare.
Al secondo posto del Girone 5 (a 10 punti, come i nerazzurri) i Norvegesi del Rosenborg; ultimo, a quota 5, il Borussia Dortmund.
 
IL TABELLINO: LIVERPOOL-INTER 4-1
 
Marcatori: 29' Coady (rig), 35' Yesil, 63' Benassi, 65' Yesil, 77' Coady (rig)
 
LIVERPOOL(4-2-3-1): 1 Fulton; 2 McLaughlin, 4 Jones, 5 Jokolik, 3 Smith; 6 Coady, 8 Pelosi; 7 Sinclair (54' Trickett-Smith), 10 Adorján (89' Rossiter), 11 Ibe; 9 Yesil.
A disposizione: 12 Baio, 13 Belford, 15 Gainford, 16 Lussey, 17 Peterson.
Allenatore: Alex Inglethorpe
 
INTER (4-2-3-1): 1 Smug; 2 Paramatti, 4 Zaro, 5 Pasa, 3 Ferrara; 8 Benassi, 10 Olsen (66' Del Piero); 7 Belloni (56' Garritano), 11 Bocar (89' Colombi), 6 Bangoura; 9 Pedrabissi (56' Forte).
A disposizione: 12 Dalle Vedove, 14 Gabbianelli, 15 Terrani.
Allenatore: Daniele Bernazzani
 
Arbitro: Antonhy Backhouse
Note.  Ammoniti: 43' Olsen, 54' Bocar, 66' Bangoura
Tempi di recupero: 1', 3'
 
[Tabellino da: inter.it; immagine da: liverpoolfc.com]