Inter sfortunatissima, fuori in Youth League ai rigori col Manchester City

0
Emmers Manchester City-Inter Primavera

Stavolta i rigori sono fatali all’Inter: la Primavera di Stefano Vecchi esce agli ottavi di UEFA Youth League dal dischetto contro il Manchester City (1-1 al 90’, 4-3 complessivo dopo sette serie) nonostante i miracoli del portiere Đekić dal dischetto.

PRIMO TEMPO

Trama della partita chiara fin dall’inizio con il Manchester City che mantiene il pallone e con l’Inter che attende nella propria metà campo pronta ad andare in contropiede. E proprio il possesso palla a tutti i costi causa il primo gol: su un retropassaggio Grimshaw controlla male, Xian Emmers arriva a tutta velocità in pressing e quando il portiere rinvia innesca il rimpallo che permette al centrocampista di portare in vantaggio i nerazzurri. Gli uomini di Vecchi sono perfetti a livello tattico e rischiano di trovare il raddoppio in due occasioni con Pinamonti sempre ispirato da Sala, ma entrambe le volte il numero 9 manda alto. Al primo vero affondo in avanti i Citizens, però, trovano il pareggio. È il 26′ quando Bettella entra in contatto con Lukas Nmecha, Kristoffersen assegna il rigore. Dagli undici metri il capitano non sbaglia e riequilibra la partita. Questo è il momento più difficile per l’Inter che rischia di capitolare su un tiro di Foden ispirato da Nmecha, ma Đekić è bravissimo e si oppone. Al 42′ reazione dei nerazzurri su calcio piazzato con Bettella tutto solo sul secondo palo, ma il difensore manda alto da due passi.

SECONDO TEMPO

Inizio di ripresa che continua con lo stesso copione della prima frazione, ma l’Inter prova a pungere in avanti ed Odgaard verrebbe anche steso in area, ma Kristoffersen vede una simulazione del nerazzurro ed estrae il giallo (era fallo evidente). Il Manchester City continua nel suo possesso palla, ma fatica ad entrare nelle linee interiste e così ci prova con il tiro da fuori per due volte in un minuto (il 64′): prima Matondo dai venti metri e Đekić respinge, poi Dele-Bashiru con una gran conclusione diretta nell’angolino, ma il portiere è di nuovo bravissimo a distendersi e deviare. Dopo una fase di stanca sono di nuovo i Citizens a pungere ancora con un tiro da fuori area di Felix Nmecha (fratello dell’autore dell’1-1, subentrato), ma Đekić è ancora concentrato ed allontana in tuffo, rispondendo presente pure al 91’ bloccando un tiro da fuori di Smith.

TIRI DI RIGORE

Succede di tutto ai rigori, perché sbaglia subito Colidio (se lo fa parare, era entrato solo per batterlo) ma poi Đekić è miracoloso: para il terzo e il quarto, mentre sul quinto Lukas Nmecha manda alto. Il match point lo butta via Zaniolo facendoselo parare da Grimshaw con un tiro orribile e Lombardoni è sfortunato perché prende la traversa dopo che Đekić si era superato pure su Brahim Díaz. Zoubdi fa gol con una delle battute peggiori della serie (centrale, lenta e rasoterra, ma il portiere dell’Inter si muove) e Bettella si fa respingere il suo tiro da Grimshaw, Manchester City avanti.

IL TABELLINO

Manchester City (4-3-3): Grimshaw; García, Latibeaudiere, Francis, Smith; Díaz, Dele-Bashiru (71′ F. Nmecha), Foden; Poveda (60′ Bolton), L. Nmecha, Matondo (89’ Zoubdi). Manager: Davies
Inter (3-5-2): Đekić; Zappa, Lombardoni, Bettella; Valietti, Emmers, Rada (67′ Brignoli), Zaniolo, Sala (88’ Colidio); Odgaard (60′ Rover), Pinamonti. Allenatore: Vecchi
Arbitro: Mads-Kristoffer Kristoffersen della federazione danese
Ammoniti: García, Francis (M); Bettella, Odgaard, Lombardoni (I)
Reti: 12′ Emmers (I), 27’ rig. L. Nmecha
Sequenza rigori: F. Nmecha (M) gol, Colidio (I) parato, Francis (M) gol, Pinamonti (I) gol, Smith (M) parato, Emmers (I) gol, Foden (M) parato, Rover (I) parato, L. Nmecha (M) alto, Zaniolo (I) parato, Díaz (M) parato, Lombardoni (I) traversa, Zoubdi (M) gol, Bettella (I) parato

[Immagine presa da twitter.com]