Kai Havertz

Continua anche questa settimana la rubrica di SpazioCalcio sui giovani talenti, dopo avervi presentato due dei migliori talenti italiani negli scorsi appuntamenti oggi ci trasferiamo in Germania da Kai Havertz.

Nome: Kai Havertz
Data di nascita: 11 giugno 1999
Nazionalità: tedesca
Ruolo: centrocampista
Squadra: Bayer Leverkusen

Diventare il più giovane debuttante, il più giovane ad iniziare da titolare ed il più giovane ad esordire in Champions League della storia del Bayer Leverkusen è senza dubbio la dimostrazione che tutti si aspettano un futuro luminoso per Kai Havertz. A farlo balzare ancora di più in prima pagina sui giornali si aggiunge anche il curioso fatto di aver saltato il ritorno degli ottavi di Champions League contro l’Atlético Madrid al Vicente Calderón per un esame da svolgere a scuola nei giorni successivi. Di sicuro le vicende recenti della conduzione tecnica delle Aspirine non hanno facilitato la sua crescita, infatti, dopo essere entrato nelle grazie di Roger Schmidt l’allenatore è stato esonerato a marzo per fare posto al turco Tayfun Korkut fino a fine stagione e quest’anno è arrivato sulla panchina del club di Leverkusen Heiko Herrlich. Per fortuna Havertz non ha risentito degli avvicendamenti ed è riuscito a convincere molto velocemente i due nuovi tecnici ad affidargli un posto da titolare in modo continuativo. In questo primo scorcio ha già messo insieme cinque presenze, nonostante dei problemi al ginocchio che l’hanno bloccato da metà agosto fino alla conclusione dello stesso mese.

In meno di un anno da professionista Havertz ha già giocato praticamente ovunque, partendo dal ruolo di trequartista per arrivare a giocare sull’esterno, da centrocampista centrale ed addirittura da seconda punta nel 4-4-2 di Herrlich. Forte fisicamente, il ruolo migliore per il tedesco è probabilmente quello di trequartista, dove può far valere le sue capacità tecniche ben superiori alla media e la sua intelligenza tattica per trovare gli spazi giusti per incidere. È dotato di un mancino preciso e potente, molto efficace sia per i lanci lunghi che naturalmente per concludere direttamente a rete anche dalla media distanza, ma riesce ad utilizzare con efficacia anche il piede destro come dimostrato già nella passata Bundesliga contro l’Hertha BSC. Non ha una grande velocità, ma riesce a compensare con la grande tecnica e con la capacità di posizionare bene il corpo per difendere palla che gli permette poi di aprirsi gli spazi per aprire la falcata; ciò gli permette di essere efficace anche quando viene impiegato in fascia. In Germania possono essere sicuri di avere tra le mani uno dei migliori talenti del panorama mondiale che con la giusta continuità tecnica potrà crescere ancora più velocemente.

[Immagine presa da twitter.com]

LE PRECEDENTI SCHEDE

Pietro Pellegri
Patrick Cutrone
Wuilker Faríñez
Issa Diop
Nicolò Barella
Xadas
Trent Alexander-Arnold
Alban Lafont
Oleksandr Zinchenko
Theo Hernández
Lorenzo Callegari
Matthijs de Ligt
Jorge Meré
Mason Holgate
Nadiem Amiri
Jesús Vallejo
Dominic Solanke
Lucas Tousart
Nicolás Schiappacasse
Riccardo Orsolini
Lautaro Martínez
Maxwel Cornet
João Carvalho
Dani Ceballos
Tom Davies
Alex Meret
Davinson Sánchez
Diogo Jota
Andreas Christensen
Kasper Dolberg
Moussa Dembélé
Benjamin Henrichs
Kylian Mbappé
Pablo Fornals
Rodrigo Amaral
Alexander Isak
Federico Chiesa