Continua la rubrica giornaliera di SpazioCalcio che vi descrive i nuovi stranieri della Serie A, oggi tocca a Thomas Vermaelen, giunto a Roma nella serata di ieri.

 

Nome: Thomas Vermaelen
Data di nascita: 14 novembre 1985
Nazionalità: belga
Ruolo: difensore
Costo trasferimento: prestito

Il grave infortunio subito da Antonio Rüdiger ai legamenti crociati nello scorso giugno ha cambiato le strategie di calciomercato di Walter Sabatini che ha dovuto lavorare molto per rinforzare il reparto difensivo della Roma ed il recente infortunio di Mário Rui ha complicato ancora di più questa situazione. Per questo motivo si è deciso di accelerare e di chiudere l’operazione che ha portato Thomas Vermaelen nella capitale in prestito gratuito fino al prossimo giugno con un diritto di riscatto per i giallorossi intorno ai dieci milioni di euro. La scuola giovanile di questo belga è una delle più importanti e famose d’Europa, l’Ajax di cui è diventato anche capitano nel gennaio 2009, prima di trasferirsi all’Arsenal di Arsène Wenger per tredici milioni. La prima stagione ai Gunners è stata più che positiva, tanto che a fine anno è entrato a far parte della squadra dell’anno, prima di subire l’infortunio che forse più lo condizionerà in tutta la sua carriera. In nazionale si infortuna al tendine d’Achille e rimane fermo per praticamente tutta la stagione successiva. Da questo momento in poi gli infortuni continueranno a condizionarlo. Nel 2014 passa a Barcellona per oltre quindici milioni di euro, ma rimane fermo in infermeria per tutto l’anno e debutta con la maglia blaugrana soltanto il 23 maggio nell’ultima giornata della Liga. Nella scorsa ha giocato da titolare le prime due giornate, segnando anche una rete contro il Málaga, ma un nuovo infortunio alla coscia lo ha costretto di nuovo in infermeria e per il resto della stagione è stato utilizzato principalmente soltanto per degli spezzoni di partita. Verminator, è soprannominato così per le sue incredibili qualità fisiche, è un difensore centrale mancino che può essere adattato anche come terzino sinistro in caso di bisogno. Il suo fisico gli garantisce una grande forza, ma anche una velocità notevole, queste caratteristiche gli permettono di essere molto efficace sia in marcatura sia quando cerca l’anticipo sull’attaccante avversario. Luciano Spalletti ha, quindi, a disposizione un difensore molto completo che, sulla carta, dovrebbe avere tutte le potenzialità per essere il titolare al fianco di Kostas Manolas; i maggiori dubbi derivano dalla sua propensione ormai molto spiccata verso gli infortuni che potrebbero penalizzarlo e fargli perdere buona parte della stagione.

LE PRECEDENTI SCHEDE

Bryan Cabezas – Atalanta
Kevin Diks – Fiorentina
Gustavo Gómez – Milan
Hamdi Harbaoui – Udinese
Wallace – Lazio
Jordan Lukaku – Lazio
Federico Fazio – Roma
Arkadiusz Milik – Napoli
Bartlomiej Dragowski – Fiorentina
Patrik Schick – Sampdoria
Lucas Boyé – Torino
Ladislav Krejcí – Bologna
Rodrigo de Paul – Udinese
Filip Djuricic – Sampdoria
Ianis Hagi – Fiorentina
Marko Pjaca – Juventus
Gerson – Roma
Leonel Vangioni – Milan
Ádám Nagy – Bologna
Caner Erkin – Inter
Alisson – Roma
Adalberto Peñaranda – Udinese
Bruno Alves – Cagliari
Lucas Ocampos – Genoa
Dani Alves – Juventus
Éver Banega – Inter