I nuovi stranieri della Serie A: Salvador Ichazo (Torino)

0

Ultimo giorno di calciomercato: tante trattative sono in dirittura d’arrivo e altre potrebbero nascere o sfumare da qui alle 23. Per quanto riguarda l’approfondimento sui nuovi stranieri spazio a chi è già ufficiale, come il nuovo portiere del Torino Salvador Ichazo.

 

Nome: Salvador Ichazo Fernández
Data di nascita: 26 gennaio 1992
Nazionalità: uruguayana
Ruolo: portiere
Costo trasferimento: prestito

La partenza di Jean François Gillet direzione Catania ha obbligato il Torino a cercare un nuovo portiere per fare il vice di Daniele Padelli, e dopo alcuni giorni di trattative il presidente Urbano Cairo e il direttore sportivo Gianluca Petrachi hanno individuato il prescelto per il ruolo di “dodicesimo” in Salvador Ichazo, ventitreenne portiere uruguayano. La sua carriera è stata sempre legata al Danubio, uno dei tantissimi club di Montevideo con cui ha disputato sessantasette partite esordendo nel 2012 dopo la cessione di Mauro Goicoechea alla Roma. Venduto anche Juan Castillo al Peñarol è diventato definitivamente il numero uno del Danubio, portando la squadra a vincere il Torneo Apertura 2013 e la fase finale della Primera División Profesional l’anno successivo, risultando l’assoluto protagonista della finale di ritorno contro i Montevideo Wanderers, dove ha parato tre calci di rigore consecutivi nella serie conclusiva. La sua caratteristica principale è proprio quella di respingere i tiri dal dischetto, negli anni in Uruguay si è affermato come un assoluto specialista dagli undici metri, anche per via della sua altezza (circa un metro e novanta) che gli permette di coprire gran parte dello specchio in tuffo. Titolare con la nazionale Under-20 ai Mondiali di categoria del 2011, non è ancora riuscito a debuttare con la nazionale maggiore, dove la leadership di Fernando Muslera rimane indiscussa, tuttavia in patria si dice che possa essere il futuro della Celeste di Óscar Washington Tabárez, e chissà che la prima presenza non arrivi proprio durante la sua esperienza al Torino, dove è arrivato in prestito oneroso con diritto di riscatto e senza occupare il posto da extracomunitario per via delle sue origini italiane. Non è stato preso per fare il titolare e inizialmente si accomoderà in panchina, ma dovesse dare buone indicazioni in allenamento a Giampiero Ventura potrebbe presto scalare le gerarchie e insidiare il posto attualmente occupato da Padelli.

[Immagine presa da facebook.com]