I nuovi stranieri della Serie A: Mario Mandzukic (Juventus)

0

Dopo aver trattato i due principali acquisti di Inter e Milan è ora doveroso presentare un volto nuovo della Juventus: i campioni in carica hanno acquistato dall’Atlético Madrid l’attaccante croato Mario Mandžukic.

 

Nome: Mario Mandžukic
Data di nascita: 21 maggio 1986
Nazionalità: croata
Ruolo: attaccante
Costo trasferimento: 19.000.000€

Rivoluzione in attacco alla Juventus: via Alessandro Matri, Carlos Tévez e probabilmente Fernando Llorente, dentro Paulo Dybala, Simone Zaza e soprattutto Mario Mandžukic, l’unica delle tre nuove punte bianconere con alle spalle un’esperienza nelle coppe europee. Per il quarto anno di fila il croato giocherà nella finalista della precedente edizione di Champions League, competizione da lui vinta nella stagione 2012-2013 e che la dirigenza juventina spera di poter conquistare anche grazie ai suoi gol, visto che dal 2011-2012 è sempre andato almeno in doppia cifra. Numericamente prenderà il posto di Fernando Llorente, soprattutto per le caratteristiche fisiche e tecniche: alto 187 centimetri, molto bravo nel gioco aereo e in grado di farsi valere nei contrasti, uomo d’area e prima punta nel vero senso della parola, un qualcosa in più rispetto all’ex centravanti dell’Athletic Bilbao ormai in uscita da Torino dopo una stagione deludente. All’Atlético Madrid era arrivato dodici mesi fa portando con sé quarantotto gol segnati nelle due precedenti annate con il Bayern Monaco, club abbandonato per incompatibilità con Pep Guardiola (che in un’intervista ha definito irrispettoso nei suoi confronti), con i Colchoneros e cose sono andate decisamente bene nella prima parte di stagione, con un gol decisivo per vincere la Supercopa de España a spese del Real Madrid, poi però da fine febbraio in avanti ha avuto un netto calo di rendimento, non riuscendo a trovare la via della rete e venendo in alcuni casi relegato in panchina per far giocare Fernando Torres. Il suo score è comunque di rilievo, con venti centri stagionali, e avendo segnato all’Italia nel recente match di qualificazione agli Europei del 2016 (vedi articolo) giocato a inizio giugno è probabile che l’astinenza realizzativa sia dovuta soltanto a una serie di coincidenze sfavorevoli. Con Massimiliano Allegri giocherà ovviamente prima punta nel 4-3-1-2 diventato marchio di fabbrica del tecnico nel corso della passata stagione, accanto a lui ci sarà uno tra Dybala e Morata che avrà il compito di muoversi dentro l’area per facilitare il suo ruolo di finalizzatore della manovra. A ventinove anni è nel pieno della carriera e i diciannove milioni di euro spesi da Beppe Marotta per portarlo in bianconero (più due ulteriori milioni di bonus e un contratto fino al 30 giugno 2019) sono un prezzo neanche troppo alto per un giocatore del suo spessore. Buffon potrà stare tranquillo: dopo i tre gol subiti fra il 2012 e lo scorso giugno ora non se lo ritroverà più come avversario.

[Immagine presa da juvemania.it]

LE PRECEDENTI SCHEDE

Geoffrey Kondogbia – Inter
Carlos Bacca – Milan