I nuovi stranieri della Serie A: José Holebas (Roma)

0

La colonia greca in casa giallorossa si è arricchita negli ultimi giorni di calciomercato di un nuovo elemento: José Holebas ha raggiunto i connazionali Vasilis Torosidis e Kostas Manolas, con cui aveva giocato in precedenza all’Olympiakos.

 

Nome: José Lloyd Holebas
Data di nascita: 27 giugno 1984
Nazionalità: greca
Ruolo: difensore
Costo trasferimento: 1.000.000€

Ha da poco compiuto trent’anni ma in campo ne dimostra molti di meno. José Holebas è il secondo giocatore che passa dall’Olympiakos alla Roma quest’anno (l’altro è Manolas), confermando la sinergia di mercato tra Walter Sabatini e il club campione in carica della Super League greca. Nato in Germania da padre greco e madre di origini uruguayane, ha iniziato a giocare a livello professionistico molto tardi, a ventidue anni, quando è stato acquistato dal Monaco 1860 per giocare inizialmente nella seconda squadra. Grazie all’allenatore Ewald Lienen, passato dai bavaresi all’Olympiakos nel 2010, a ventisei anni finisce in Grecia, preso come acquisto low-cost a causa del pessimo momento finanziario che stava passando il club del Pireo, e nonostante l’esonero del tecnico soltanto un mese dopo, a seguito di una prematura eliminazione dai preliminari di Europa League contro il Maccabi Tel Aviv, Holebas comincia a scalare posizioni nella gerarchia del nuovo allenatore Ernesto Valverde, diventando titolare sulla fascia sinistra e guadagnandosi nel 2011 le prime convocazioni con la nazionale greca, che nel ruolo di terzino sinistro in quel periodo spesso adattava Torosidis per mancanza di alternative. È molto potente e veloce, salta facilmente l’uomo pur non disponendo di una tecnica eccelsa perché parte palla al piede in progressione e di norma lascia sul posto gli avversari. Siccome inizialmente giocava più avanzato ha un’attitudine a spingersi con frequenza in avanti, e qualche volta tarda a rientrare lasciando scoperta la sua zona di riferimento in difesa, questo difetto si è notato soprattutto in partite meno importanti, perché nelle sfide di cartello cerca di essere più concentrato. Abile a tirare i calci piazzati, in più di una circostanza ha segnato direttamente su punizione, sfruttando una battuta più di precisione che di potenza con il mancino. La Roma l’ha preso per un milione di euro più un bonus di cinquecentomila euro a seconda del raggiungimento di determinati obiettivi, ha firmato un contratto triennale e si giocherà il posto con Ashley Cole, che nelle amichevoli precampionato non è stato esente da errori e per questo necessitava di un’alternativa per evitare problemi durante la stagione, visto che l’altro acquisto che può giocare sull’out di sinistra, Urby Emanuelson, per ora ha convinto poco e non è stato nemmeno inserito nella lista per la Champions League, mentre Federico Balzaretti sembra ormai vicino al ritiro a causa dei ripetuti problemi fisici. Il suo ingaggio pertanto consente a Garcia di completare il reparto difensivo, dove adesso sono presenti due giocatori per ciascuna posizione.

[Immagine presa da asroma.it]