I nuovi stranieri della Serie A: Johan Djourou (SPAL)

0

L’ultimo dei tanti nuovi stranieri arrivati in Serie A, in ordine cronologico, è della SPAL: i biancazzurri hanno ingaggiato nella giornata di sabato il difensore svizzero Johan Djourou.

Nome: Danon Issouf Johannes Djourou Gbadjere
Data di nascita: 18 gennaio 1987
Nazionalità: svizzera
Ruolo: difensore
Costo trasferimento: parametro zero

Nella stagione che inizierà fra poche settimane la SPAL potrà godere di tre giocatori su quattro della sua fase difensiva reduci dai Mondiali in Russia: il portiere Alfred Gomis (Senegal) e il difensore Thiago Cionek (Polonia) erano già in rosa nella squadra che ha conquistato la salvezza all’ultima giornata, ma sabato 21 luglio si è aggiunto anche Johan Djourou. Il trentunenne centrale ha giocato solo una delle quattro partite della Svizzera, l’ottavo di finale perso 1-0 contro la Svezia per via della squalifica di Fabian Schär, per il resto ha seguito la fase a gironi in panchina nonostante sia stato un punto fermo di Vladimir Petković per quasi tutte le qualificazioni. Nell’ultima stagione ha fatto diciotto presenze nella Süper Lig con la maglia dell’Antalyaspor, fermato da un infortunio nella prima parte di campionato, dal club turco si è svincolato negli scorsi giorni prima di firmare coi biancazzurri un contratto annuale con obbligo di rinnovo per un secondo anno a seguito di determinate condizioni (presumibilmente la conquista della salvezza).

La carriera di Djourou si è sviluppata soprattutto in due squadre: Arsenal e Amburgo. Coi Gunners ha fatto quasi dieci anni, dal 2003 a gennaio 2013 quando ha iniziato la sua esperienza in Germania, prima in prestito all’Hannover e poi a titolo definitivo ad Amburgo, dove è andato via giusto in tempo per evitare di far parte della disastrosa squadra retrocessa dalla Bundesliga per la prima volta nella storia del club anseatico. Va detto che, pur avendo grande esperienza, raramente è riuscito ad avere spazio in maniera continuativa: molto spesso è stato fermato da infortuni (anche uno grave al ginocchio quando era all’Arsenal) o peggio ancora da prestazioni ben al di sotto della sufficienza, una caratteristica che l’ha accompagnato sia in Inghilterra sia in Germania. Leonardo Semplici in questo senso dovrà stare attento nel scegliere il ruolo nella difesa a tre, perché se è vero che la sua fisicità può far comodo è altrettanto vero che ciclicamente incappa in errori grossolani, spesso frutto di una qualità tecnica rivedibile. Può essere un elemento esperto utile per aiutare la SPAL a raggiungere la salvezza, ma non è certo un pilastro così affidabile a livello difensivo.

LE PRECEDENTI SCHEDE

Arkadiusz Reca – Atalanta
Rok Vodišek – Genoa
Dávid Hancko – Fiorentina
Daniel Fuzato – Roma
Soualiho Meïté – Torino
Krzysztof Piątek – Genoa
Federico Santander – Bologna
Mattias Svanberg – Bologna
Riza Durmisi – Lazio
Juan Musso – Udinese
Omar Colley – Sampdoria
Valon Berisha – Lazio
Iván Marcano – Roma
Silvio Proto – Lazio
Alban Lafont – Fiorentina
Felipe Vizeu – Udinese
Ante Ćorić – Roma
Justin Kluivert – Roma
Hidde ter Avest – Udinese
Alen Halilović – Milan
Fabián Ruiz – Napoli
Cristiano Ronaldo – Juventus
Darijo Srna – Cagliari
Emre Can – Juventus
Lautaro Martínez – Inter