Altro appuntamento con la rubrica di SpazioCalcio che va a scoprire i migliori giovani in giro per i campionati di tutto il mondo. Questa settimana parliamo di Matheus Pereira, esterno d’attacco dello Sporting Lisbona.

 

Nome: Matheus Fellipe Costa Pereira
Data di nascita: 5 maggio 1996
Nazionalità: brasiliana/portoghese
Ruolo: ala destra
Squadra: Sporting Lisbona

La rivoluzione in casa Sporting è ufficialmente cominciata e l’artefice, come ormai sappiamo, si chiama Jorge Jesus. Dal suo arrivo a giugno, JJ ha portato in bianco-verde il modello che già seguiva al Benfica e ciò ha portato a un calcio più aggressivo, più largo e un convinto uso del 4-4-2. Una cosa è rimasta tale e quale: l’Academia di Alcochete, lo storico centro delle giovanili, che ha prodotto decine di talenti che ora sono in giro per l’Europa. E da lì arriva anche Matheus Pereira, esterno destro d’attacco che quest’anno ha già polerizzato vari record in casa Sporting.

Nato a Belo Horizonte, la famiglia di Matheus ha subito un percorso travagliato fatto soprattutto di tanti chilometri, che hanno avuto il loro termine a Lisbona nel 2008. Qui riprende a fare quello che già faceva, e bene, in Brasile, ossia giocare a calcio e approda al Trafaria, club satellite dello Sporting. Il suo allenatore di allora, José Meireles, lo segnala immediatamente alla SAD Leonina che in meno di un anno se lo porta ad Alcochete. Qui fa tutta la trafila delle squadre giovanili, fino ad arrivare quest’estate a giocare in Segunga con lo Sporting B. L’inizio è drammatico: espulsione all’esordio e squalifica, ma João de Deus crede in lui e la partita dopo firma l’assist per il goal vittoria. In tutto sono sette presenze, quattro assist e tre goal, Jorge Jesus rimane sbalordito dalle sue prestazioni e da fine settembre Matheus Pereira vola in prima squadra.

La fortuna gli dà decisamente una mano: con l’affaire Carrillo lontano dalla sua risoluzione e con l’infortunio di Carlos Mané, per lui si spalancano le porte del campo. Il primo ottobre esordisce in Europa League all’Atatürk contro il Besiktas e dopo un quarto d’ora manda in porta Ruiz per il goal del vantaggio. Quello europeo ora è il suo palcoscenico: in Europa League raccoglie, oltre all’assist all’esordio, quattro presenze e tre goal; inoltre in Taça de Portugal fa doppietta alla prima occasione e JJ comincia a dargli fiducia anche in campionato, trovando in lui l’uomo giusto per far rifiatare João Mário, centrale di centrocampo adattato a destra vista la penuria di uomini in quella posizione, penuria che ha portato Bruno De Carvalho a mettere sotto contratto lo svincolato Galgo Schelotto.

Ora che si è preso la ribalta in maglia Sporting, Matheus Pereira si trova davanti a una pesante scelta: quella tra la Seleção verde-oro e la candidatura alla lunga lista di eredi di Cristiano Ronaldo nella nazionale portoghese. A breve comincerà a doverci pensare seriamente, perché il suo nome scala velocemente la lista degli scout di tutta Europa. La sua velocità e soprattutto la sua enorme facilità a vedere la porta hanno già avvicinato il suo nome a squadre da nome pesante e bacheca ricca; qualche cartellino in meno e una testa da raffreddare un po’ sono ciò che gli faranno fare il salto decisivo nel grande calcio.

[Foto da www.sapo.pt]

 

LE PRECEDENTI SCHEDE
Ondrej Duda
Andrija Zivkovic
Ruben Loftus-Cheek

Sebastián Driussi
Ante Coric
Dória
James Ward-Prowse
Anwar El Ghazi
Bruma
Pierre-Emile Højbjerg