Andriy Lunin Leganés

Venerdì dedicato come sempre alle schede dei migliori talenti del calcio mondiale: oggi è la volta di un portiere, Andriy Lunin, di proprietà del Real Madrid.

Nome: Andriy Oleksiyovych Lunin
Data di nascita: 11 febbraio 1999
Nazionalità: ucraina
Ruolo: portiere
Squadra: Leganés (in prestito dal Real Madrid)

Kiko Casilla, Thibaut Courtois, Andriy Lunin e Keylor Navas. Per buona parte del mese di agosto il Real Madrid ha avuto quattro portieri in rosa e tutti di livello: oggettivamente troppi, anche per una squadra come i blancos che nel corso della stagione supererà inevitabilmente le cinquanta partite. Col giocatore della Costa Rica che ha preteso di restare (e fin qui è stato anche il titolare) la scelta su chi sacrificare è ricaduta sul più giovane, Lunin, girato in prestito lo scorso 27 agosto sempre in Liga al Leganés, nella periferia Sud-Ovest della capitale spagnola, in modo da poter seguire la sua crescita da vicino. Probabilmente è la soluzione migliore: il classe 1999 potrà da subito ambientarsi nella nuova realtà del campionato spagnolo, sotto la guida di un allenatore di buon livello come Mauricio Pellegrino e con due compagni di reparto più esperti, Jon Ander Serantes e soprattutto Iván Cuéllar che è stato titolare nelle prime due giornate di campionato (da vedere se ora manterrà il posto o ci sarà concorrenza, in ogni caso domani giocherà ancora lui perché c’è la trasferta proprio al Bernabéu e Lunin non può essere convocato per una clausola inserita nel contratto di prestito).

Una stagione al Dnipro, la prima da professionista, e la scorsa allo Zorya con sei presenze nella fase a gironi della scorsa Europa League hanno fatto salire alla ribalta internazionale Lunin, diventato titolare in patria quando non era ancora maggiorenne (esordio da professionista il 16 ottobre 2016 contro il Karpaty Lviv, da lì in poi non ha più lasciato la porta, tenendola inviolata in venti occasioni su sessantuno in tutte le competizioni) e nello scorso mese di marzo premiato da Andriy Shevchenko con le prime due presenze con la maglia della nazionale maggiore dell’Ucraina, in amichevole contro Arabia Saudita e Albania. Lunin è alto un metro e novanta e copre molto bene la porta, con una notevole reattività anche su conclusioni forti e radenti, come dimostrano le due parate su altrettante punizioni di Federico Bernardeschi nell’amichevole fra Real Madrid e Juventus giocata a Landover (Stati Uniti) nella notte italiana fra il 4 e il 5 agosto per l’International Champions Cup. L’Italia poteva essere il suo destino, con accostamenti a Inter, Napoli e Roma, ma nessuna di queste tre squadre gli garantiva il posto da titolare: alla fine l’offerta più convincente è stata dei blancos, nonostante sia stato poi prestato altrove per fare esperienza. Curiosità: voleva la maglia numero 99, suo anno di nascita, ma il regolamento della Liga gliel’ha impedito e gli è stato assegnato d’ufficio il 29, perché gli Under-23 prendono il primo numero disponibile dal 26 in poi.

[Immagine presa da cdleganes.com]

LE PRECEDENTI SCHEDE – ANNO 2018

Mattéo Guendouzi
Joaquín Ardaiz
Mason Mount
Callum Hudson-Odoi
Francisco Trincão
Ismaïla Sarr
Vinícius Júnior
Panagiotis Retsos
Moussa Wagué
Dennis Geiger
Rodrygo
Nikola Milenković
Ryan Sessegnon
Jules Koundé
Jadon Sancho
Viktor Tsygankov
Xaver Schlager
Nordi Mukiele
Matías Zaracho
Amine Harit
Diogo Dalot
Enrico Brignola
Han Kwang Song
Christopher Nkunku
Frenkie de Jong
Musa Barrow
Juan Foyth
Kelvin Amian
Achraf Hakimi
Dayot Upamecano
Mirko Antonucci
Maxime López
Justin Kluivert
Rúben Dias