19 anni li deve ancora fare (tra 2 giorni). Ma già ha assaporato la grande soddisfazione di realizzare una doppietta in Serie A, una di quelle doppiette che fanno vincere la tua squadra. Il 2-0 del Palermo contro la Sampdoria porta il suo nome.

 

Lui è Paulo Dybala, argentino nato a Laguna Larga, di origini italiane, soprannominato “el pibe de la pensiòn”: infatti a soli 15 anni perde il padre, e percepisce la pensione del suo primo club, l’Instituto Atlético Central Córdoba. La sua prima stagione da professionista è la 2011-2012 in cui realizza 17 gol in 38 presenze, ottenendo diversi record per la sua giovane età.
Le sue caratteristiche tecniche sono la velocità, il dribbling e il suo micidiale tiro mancino (che abbiamo ammirato nella partita contro la Samp, in particolare sul secondo gol). Qualità che attirano ad inizio 2012 l’allora direttore sportivo del Palermo, Sean Sogliano, che il 28 Aprile se ne assicura il cartellino, per la bellezza di 12 milioni di euro. Il 20 Luglio firma il contratto con la società rosanero, un quadriennale da 500.000 euro più premi in base agli obiettivi raggiunti.
Esordisce in Serie A e con la maglia rosanero nella partita contro la Lazio, subentrando al 58′ al posto di Fabrizio Miccoli, partita poi terminata 3-0 in favore dei biancocelesti. Esordisce da titolare nella partita contro il Torino, ottava di campionato, terminata 0-0.

Il resto, è stroria recente. Entrato come titolare nella partita contro la Samp, sigla una fantastica doppietta che regala non solo 3 punti, ma anche ossigeno ad una squadra che quest’anno lotta chiaramente per raggiungere la salvezza. Ottimi movimenti nella prima frazione di gioco che hanno disorientato i doriani, ma nella finalizzazione manca un po’ di fortuna. Nel secondo tempo al 7′ Brienza regala l’assist all’argentino, che non si fa pregare e spara una bomba sotto l’incrocio. Al 26′ arriva il secondo gol, sempre su assist di Brienza, ma qui il lavoro è tutto di Dybala, che si gira il pallone con un tocco sul suo sinistro e trafigge Romero con un gran tiro ad incrociare. Potrebbe arrivare anche il terzo gol del ragazzino, ma Romero si oppone.

3 punti importantissimi per il Palermo, e soprattutto un gioeillino su cui puntare dalle prossime partite. Dybala intanto si fa un bel regalo per i suoi 19 anni, che compirà fra 2 giorni.