Scontri Inter-Napoli, novità su morte Belardinelli. Piovella resta in carcere

0

Continuano le indagini a Milano e Napoli per gli scontri avvenuto lo scorso 26 dicembre, a circa un’ora dal fischio d’inizio di Inter-Napoli della diciottesima giornata di Serie A: l’ANSA fa sapere che per Marco Piovella è stata rifiutata la richiesta di scarcerazione, e che per la morte di Daniele Belardinelli ci sono alcuni passi avanti sull’individuazione dei responsabili.

Resta ancora in carcere Marco Piovella, il capo ultras dell’Inter che è stato arrestato lo scorso 31 dicembre a cinque giorni dagli scontri avvenuti nel quartiere San Siro prima di Inter-Napoli. La difesa ne aveva chiesto la scarcerazione ma, come riporta l’ANSA, è stata rifiutata dal procuratore aggiunto di Milano Letizia Mannella e dai PM Rosaria Stagnaro e Michela Bordieri, con il GIP Guido Salvini che dovrà decidere sulla richiesta di arresti domiciliari. Continuano nel frattempo le indagini sulla morte di Daniele Belardinelli, investito da una macchina durante gli incidenti avvenuti all’angolo fra via fratelli Zoia e via Novara a Milano il 26 dicembre: oltre alla Volvo V40 sequestrata negli scorsi giorni (vedi articolo) è stata bloccata anche una seconda vettura, sempre nel capoluogo campano, in quanto l’ipotesi è che ad aver investito Belardinelli siano state due auto, di cui una quando era già stato colpito e a terra. Sono diversi gli indagati per omicidio volontario, fra cui otto tifosi del Napoli.