Nkoulou, continua il caso col Torino: «Un uomo rispetta la sua parola»

0

Nicolas Nkoulou non ci sta e accusa il Torino. Il difensore, che sarebbe voluto andare alla Roma (seguendo il suo ex direttore sportivo Gianluca Petrachi), fa sapere che in realtà ci sarebbe una promessa non rispettata da parte della dirigenza granata, in merito a una sua cessione.

Nicolas Nkoulou passa al contrattacco. Il difensore del Camerun è fuori rosa da dopo la partita fra Torino e Wolverhampton, persa 2-3 nell’andata dei play-off di Europa League, e successivamente è stato criticato sia dal presidente Urbano Cairo sia dall’allenatore Walter Mazzarri, che lo hanno criticato per aver detto di essere turbato dalle voci di mercato. Dietro c’è (meglio: c’era) la Roma del suo ex direttore sportivo Gianluca Petrachi, che voleva portarlo con sé in giallorosso, pare con una promessa che il difensore aveva ricevuto di essere lasciato andare in estate.

«Io sono un uomo legale e onesto – afferma Nkoulou in un’intervista al quotidiano francese L’Équipe e in tutta la mia carriera nessuno ha mai messo in dubbio la mia professionalità, o peggio ancora la mia educazione. Un professionista ha il dovere di informare nel caso in cui non sia in grado di svolgere il suo lavoro, questo è quello che ho fatto. Per me un uomo si definisce dal rispetto delle sue parole. Prendo nota che i miei dirigenti hanno respinto ancora una volta la mia partenza in estate. Ora, fedele ai miei principi, mi rimetto al lavoro per difendere i colori del Torino, cosa che la sua storia e i suoi tifosi si meritano».

Cairo, nella conferenza stampa di presentazione del nuovo acquisto Simone Verdi, ha però smentito sia i passi avanti nel reintegro di Nkoulou, sia la promessa di una cessione (almeno a quanto sarà lui). Tornerà in campo col Torino dopo la sosta? Lunedì 16 settembre c’è il Lecce per la terza giornata di Serie A.