Inter-Napoli, indagato tifoso partenopeo per morte Daniele Belardinelli

0

Continuano le indagini a Milano e Napoli in merito all’uccisione di Daniele Belardinelli, morto nella notte fra il 26 e il 27 dicembre dopo essere stato investito da almeno un’auto prima di Inter-Napoli. La notizia di oggi è che un tifoso partenopeo è stato accusato di omicidio.

C’è una svolta nell’indagine per la morte di Daniele Belardinelli, a poco più di una settimana dagli scontri all’angolo fra via fratelli Zoia e via Novara nel quartiere di San Siro a Milano, a pochi metri di distanza dallo Stadio Meazza dove si è poi giocata Inter-Napoli della diciottesima giornata di Serie A. Come riporta Sky Sport l’inchiesta si è focalizzata sull’individuazione della macchina che ha investito l’ultras del Varese, morto la notte seguente in ospedale a seguito del trauma subito, e nella giornata di ieri (vedi articolo) era stata sequestrata una macchina, con altre due pronte per avere lo stesso provvedimento: oggi è stata riconosciuta, con l’utilizzo delle immagini delle varie telecamere nella zona, una Volvo B40 station wagon e per questo motivo è stato iscritto al registro degli indagati un tifoso partenopeo di venticinque anni, accusato di omicidio volontario, che ha provato a definirsi estraneo agli scontri precedenti a Inter-Napoli venendo però smentito dai video. Con lui in macchina risultano esserci state anche altre tre persone, ora andrà capito se e quale ruolo ha avuto nella vicenda.