Roma, che tonfo! Il Parma vince 3-2 e vola in classifica

0

La Roma di Zeman sprofonda sempre più giù. Questa volta è il Parma a mettere in luce tutti i difetti di questa squadra. In un Tardini ai limiti della praticabilità, i giallorossi subiscono un’altra rimonta.

 

Sotto una pioggia battente la Roma cerca la vittoria del riscatto dopo la rimonta subita in casa contro l’ Udinese. Il Parma invece dopo l’ottimo successo contro il Torino, cerca punti utili per la salvezza e forse per qualcosa di più. Le due squadre di affrontano a viso aperto e lo spettacolo non manca: Dopo 8′ infatti la Roma trova subito il gol con Lamela. L’argentino con un perfetto tiro a giro da fuori area trova il vantaggio, fino a quel momento meritato. Da qui in poi la Roma si spegne e la squadra di Donadoni reagisce trovando al 34′ il pari. Dodò liscia un facile pallone permettendo a Belfodil di superare prima Castan e poi Stekelenburg, mandando la palla in fondo alla rete. Neanche tre minuti dopo aver subito il pareggio e la Roma si ritrova sorprendetemente sotto: Rosi, completamente libero, crossa in area trovando Parolo che prima sbaglia la mira poi con l’aiuto della pozzanghera porta sul 2-1 il Parma. Clamorosa però è la dormita dei due centrali che condannano l’estremo difensore giallorosso a riprendere per la seconda volta il pallone in fondo alla rete. Finisce quindi un primo tempo divertente, per merito delle amnesie della Roma e delle ripartenze del Parma che merita ampiamente il vantaggio. Nella ripresa la pioggia non smette e si fa sempre più forte. Il campo ormai è impraticabile, soprattutto nelle zone laterali ci sono delle pozzanghere enormi che non fanno scorrere la palla come dovrebbe. L’arbitro fa continuare per fortuna del Parma che trova il tris al 20′. Goicoechea, subentrato all’infortunato Stekelenburg, para prima su Belfodil ma dalle retrovie arriva Zaccardo che sfrutta la respinta del portiere e ribatte. Deviazione decisiva di Piris e Parma che vola sul 3-1. La Roma sembra in bambola ma con la forza della disperazione cerca di trovare almeno il pari. Con tutti gli 11 di Zeman in attacco, i giallorossi riescono a trovare un rigore trasformato da Totti al 26′ accorciando così le distanze. Il risultato però non cambia, nonostante il pressing e la superiorità numerica arrivata in virtù dell’espulsione di Belfodil, con Mirante che non deve fare interventi particolari.

Finisce quindi la partita con un’ennesima sconfitta per la Roma di Zeman. Successo strepitoso invece per il Parma che si proietta in posizioni utili per conquistare l’Europa. Europa che invece sembra lontanissima per la Roma che sta facendo spazientire anche i più accaniti e fedeli sostenitori. L’enessima rimonta subita ha messo in luce tutti i difetti di questa squadra che Zeman non riesce ancora a risolvere. Nonostante la squadra abbia il miglior attacco del campionato, i troppi gol subiti stanno pregiudicando il cammino di questa stagione. Se non è crisi questa poco ci manca.

PARMA-ROMA 3-2
Parma (3-5-2): Mirante; Zaccardo, Paletta, Lucarelli; Rosi, Marchionni (15′ s.t. Acquah), Valdes, Parolo, Gobbi; Biabiany (36′ s.t. Sansone), Amauri  (17′ p.t. Belfodil).
A disp.: Pavarini, Bajza, Fideleff, Benalouane, Ninis, Morrone, Musacci, Palladino, Pabon. All.: Donadoni
Roma (4-3-3): Stekelenburg (1′ s.t. Goicoechea); Piris, Marquinhos, Castan, Dodò (22′ s.t. Marquinho); Bradley (22′ s.t. Perrotta), De Rossi, Florenzi; Lamela, Osvaldo, Totti.
A disp.: Svedkauskas, Romagnoli, Burdisso, Pjanic, Lopez, Destro. All.: Zeman.
Arbitro: Damato
Marcatori: 8′ Lamela (R), 34′ Belfodil (P), 37′ Parolo (P), 20′ s.t. Zaccardo (P), 26′ Totti (R)
Ammoniti: Osvaldo (R); Belfodil, Mirante (P)
Espulsi: 39′ s.t. Belfodil (P) per doppia ammonizione

LASCIA UN COMMENTO