Pescara-Palermo 1-0! Perla di Weiss. Palermo ancora k.o.

0

Finisce 1-0 per i padroni di casa con un gran gol di Weiss a 4 minuti dal termine. Per il Palermo ancora notte fonda nonostante il buon gioco espresso questa sera.

 

Gasperini (fischiato dal pubblico di casa in quanto in estate ha rifiutato la panchina del Pescara) a sorpresa riconferma gli undici che hanno perso a Bergamo, lasciando in panchina sia Miccoli che Brienza, al rientro da un infortunio. Nessuna sorpresa per Stroppa che conferma la formazione annunciata con Pelizzoli tra i pali e Capuano in panchina.

I ritmi del primo tempo non sono elevati e a sorpresa, non è il Pescara a fare la partita e a condurre il gioco, ma è il Palermo la squadra che entra meglio in campo e ha le migliori occasioni da gol. Il primo acuto è però degli abruzzesi, che si affidano alla rapidità e alla tecnica di Caprari e Quintero, che proprio con il colombiano cercano il gol al 4’ con una conclusione con il mancino dopo un’azione personale con palla che si spende sul fondo. Dopo questa prima occasione sale il Palermo, in particolare Hernandez che prima si vede giustamente annullare un gol (fuorigioco di Morganella) al sesto minuto, mentre 60 secondi più tardi viene fermato in uscita da un ottimo Pelizzoli che blocca il tentativo di tap-in vincente dell’uruguaiano. La grande occasione per i rosanero arriva al minuto 20’ con tre tentativi sciupati in pochi secondi: prima Hernandez conclude a rete ma Pelizzoli respinge, poi Barreto si fa murare la conclusione e infine ancora Hernandez da dentro l’area piccola colpisce addosso a Pelizzoli.

Si resta sullo 0-0 ma la partita prende un’improvvisa infiammata: il Pescara si affida nuovamente a  Caprari e alle sue ripartenze. Ancora un’occasione per il Giorgi e per Cascione prima dell’episodio chiave del primo tempo (e forse del match). Al minuto 35’ Vukusic viene lanciato a rete, salta Von Bergen con un pallonetto a mezza altezza, ma con la mano il difensore rosanero devia nettamente la palla: è espulsione giustissima(lo svizzero era anche ultimo uomo e ha fermato una chiara occasione da gol). Il Pescara prende coraggio e termina il primo tempo in avanti senza riuscire però a rendersi veramente pericoloso.

Nella ripresa Gasperini inserisce Mantovani per Giorgi per riassestare i suoi. Ci si aspetterebbe un Pescara arrembante e offensivo, forte della superiorità numerica, ma è ancora il Palermo ad avere la meglio. Se nel primo tempo l’uomo più pericoloso era stato Hernandez, nella ripresa sale Ilicic, che prima con un diagonale di destro (parato da Pelizzoli in due tempi), poi con un sinistro dal limite che finisce alto sfiora il vantaggio per il Palermo. La squadra di Gasperini è ben messa in campo, non sembra soffrire l’inferiorità numerica, copre gli spazi e riparte; gli uomini di Stroppa invece non trovano il modo di perforare il muro rosanero e non riescono a rendersi pericolosi nemmeno su palla inattiva, sprecando spessi calci piazzate da buone posizioni con schemi troppo complessi. Passano i minuti, entrano Weiss e Abbruscato per il Pescara, Miccoli e Brienza per il Palermo.

Passano i minuti e l’incontro sembra incanalarsi verso lo 0-0, ma a 4’ minuti dal termine Weiss si inventa dal limite il gol che sblocca l’incontro: si accentra da sinistra senza essere attaccato dalla difesa del Palermo (fin lì ottima con un eccellente Donati come difensore centrale), giunge al limite e lascia partire un destro potente a fil di palo. È 1-0. Inutili i tentativi finali del Palermo, specie su corner e le ripartenze in contropiede degli abruzzesi con Abbruscato: finisce 1-0.

Fatale per Gasperini ancora una volta i minuti finali, dopo l’incontro di Bergamo, ma questo Palermo, una volta che avrà fatto i conti con la sfortuna e con l’attacco(un solo gol realizzato in 5 partite), potrà sicuramente ripartire visto quanto di buono mostrato oggi in campo. Per il Pescara prima vittoria stagionale (nonostante la non ottima prestazione di questa sera), che potrebbe servire da slancio per il proseguo del campionato.

Samuele Zaboi

LASCIA UN COMMENTO