Milan-Atalanta, le probabili formazioni

0

Terminata la sosta per le Nazionali, finalmente, si torna al calcio giocato anche nella nostra Serie A e stasera alle 20:45 sarà il turno di Milan-Atalanta, anticipo valido per la terza giornata insieme a Palermo-Cagliari delle 18.

 

Sono 52 i precedenti a Milano tra Milan e Atalanta. Il bilancio vede i rossoneri in vantaggio per 28 successi contro i 7 dei bergamaschi mentre il segno X è uscito per ben 17 volte. Il Milan vanta, nel conteggio dei gol realizzati, ben 105 marcature contro le 49 neroazzurre. L’ultimo precedente a San Siro risale allo scorso 2 maggio quando la sfida venne decisa dai gol di Muntari e Robinho. L’ultima vittoria dei bergamaschi risale alla stagione 2007-08 per 2-1 grazie ai gol nel primo tempo di Floccari e Langella mentre per il Milan segnò Maldini.

FORMAZIONE MILAN (4-3-1-2): Davanti al portiere Christian Abbiati giocheranno Abate a destra e Antonini a sinistra. Al centro Bonera con a fianco Acerbi favorito su Yepes, reduce dal viaggio in patria al seguito della propria nazionale così come Zapata. A centrocampo giocheranno Nigel De Jong e Massimo Ambrosini, mentre per la terza casella Emanuelson pare favorito nel ballottaggio con Nocerino, reduce dall’impegno con la nazionale azzurra. Sulla trequarti spazio a Boateng che graviterà dietro le due punte, che con ogni probabilità saranno Pazzini e El Shaarawy, protagonista di tre gol nei due impegni con l’Under 21, favorito sul catalano Bojan Krkic.

INDISPONIBILI: Vilà, Strasser, Muntari, Montolivo, Robinho, Pato.

FORMAZIONE ATALANTA (4-4-1-1): Colantuono, davanti a Consigli, schiererà Bellini e Brivio sulle fasce mentre Lucchini e Manfredini comporranno la coppia di centrali. Sugli esterni di centrocampo spazio a Raimondi e Bonaventura, con Biondini e l’immancabile Cigarini in mezzo. L’attacco sarà composto da Maxi Moralez a sostegno dell’unica punta di riferimento, il Tanke Denis.

INDISPONIBILI: Peluso (squalificato), Capelli, Radovanovic, Ferreira Pinto, Schelotto e Marilungo.

ARBITRO: Daniele Orsato.

LASCIA UN COMMENTO