La Viola batte il Catania con il ritorno al gol di Luca Toni

0
Giornata da incorniciare per i tifosi viola oggi, che trovano la seconda vittoria consecutiva in casa contro il difficile Catania e vedono il ritorno al gol del loro mito Luca Toni, arrivato nelle ultime ore di mercato.

 
Le formazioni:
Fiorentina (3-5-2) All. Vincenzo Montella
Viviano; Roncaglia, Rodriguez, Tomovic; Cuadrado, Migliaccio, Pizarro, Borja Valero, Pasqual; Jovetic, Ljajic
Sostituzioni:
Toni (Ljajic, 63′), Fernandez (Cuadrado, 72′), Cassani (Pasqual, 81′)
Catania (4-3-3) All. Rolando Maran
Andujar; Alvarez, Spolli, Legrottaglie, Marchese; Almiron, Lodi, Biagianti; Gomez, Bergessio, Barrientos
Sostituzioni: 
Castro (Almiron, 45′), Izco (Biagianti 81′), Doukara (Gomez, 87′)
Cartellini:
19′ Ljajic (Fiorentina, G), 39′ Pizarro (Fiorentina, G), 39′ Gomez (Catania, G), 68′ Jovetic (Fiorentina, G), 85′ Spolli (Catania, G)
La partita:
Primo tempo:
Formazioni tipo per Montella e Maran, in un match difficile per entrambe le squadre, ma con la Fiorentina che parte subito bene, testimone il fatto che solo dopo 5 minuti Jovetic impegna Andujar che si rifugia in angolo. All’8′ invece gli ospiti passano in vantaggio, ma la rete è annullata giustamente per un fuorigioco dell’autore del gol, Bergessio. Dopo una partenza sprint le due formazioni non riescono a far male all’avversario con azioni ben fermate da una parte e dall’altra. Quando la Fiorentina sembra prendere per un momento le redini del gioco, però, il solito Jovetic ne approfitta e servito da Ljajic segna il gol dell’1-0.
Secondo tempo:
Nella ripresa gli uomini di Maran non ci stanno a perdere e sopo 120 secondi sfiorano il palo con una pericolosa conclusione mancina di Bergessio servito da uno dei suoi compagni di reparto, Barrientos. Risponde la Viola con un colpo di testa solamente sfiorato dal neo acquisto Migliaccio su punizione di Borja Valero. Al 10′ ancora Fiorentina che ricambia il favore a Ljajic con una bella palla, il serbo viene però fermato ottimamente da Andujar e Legrottaglie. A 12 minuti dall’inizio del secondo tempo altro gol annullato, stavolta ai padroni di casa. Punizione di Ljajic con palla tagliata in mezzo, Roncaglia salta ma non tocca e la sfera batte il portiere argentino catanese ma la rete è ancora giustamente annullata perchè il salto del difensore lo ha reso in posizione attiva di fuorigioco.
Al 18′ entra Toni, per la standing ovation del Franchi. L’attaccante ex campione del mondo saluta il suo pubblico e per farlo saltare ancora impiega solamente 120 secondi, insaccando a porta vuota una palla servita da Jovetic. Il Catania ci prova anche dopo il doppio svantaggio, e lo fa ancora una volta con Bergessio che da calcio piazzato schiaccia di testa, trovando un preparatissimo Viviano che mette in angolo. E’ l’ultima vera occasione del match.
La Fiorentina registra la seconda vittoria in 3 giornate. Per il Catania, invece brutto stop dopo la bella vittoria al Massimino contro il Genoa. Da segnalare il ritorno al gol di uno degli attaccanti che ha fatto la storia del club gigliato, Luca Toni, che si prende una bella soddisfazione dopo la tragedia che lo ha colpito pochi mesi fa della morte del figlio, a cui ha dedicato la segnatura.

LASCIA UN COMMENTO