La lupa ci ricasca, nuova rimonta.

0

1 a 1 all’Olimpico tra Roma e Samp, rossoneri di nuovo rimontati.

 

Gli uomini di Zeman erano partiti bene, giusta grinta, ritmo ideale e un atteggiamento offensivo che ha costretto per quasi tutto il primo tempo la Samp nella propria metà campo. Le occasioni da goal non sono mancate, Romero ferma prima Destro in uscita poi Lamela e solo la parte alta della traversa nega la gioia a Totti. Al 34′ però il capitano non sbaglia e trova il goal del vantaggio segnando il suo 271° con la maglia della capitale. Sull’1 a 0 si chiude la prima frazione con una Roma che temporaneamente vince e convince, comprimendo i blucerchiati senza difficoltà. Sembra una partita a senso unico e al 47′ la situazione per gli uomini di Ferrara peggiora con l’espulsione di Maresca per doppia ammonizione. E’ finita. Ma ancora una volta la squadra di Zeman si fa sorprendere, questa volta con un goal e un uomo in più; è al 17′ che Munari pareggia i conti approfittando di un errore clamoroso di Stekelenburg.
I giallorossi provano a questo punto a ripartire ma senza una vera e propria organizzazione, apparentemente senza la giusta condizione, rischiando più volte la beffa facendosi sorprendere in contropiede da Icardi. Sul finale Romero nega ancora una volta il goal a Balzaretti.
«Io ci metterei la firma a giocare tutte le altre partite di campionato come abbiamo fatto stavolta»  ha rivelato a sorpresa Zeman nel post-partita «Abbiamo tirato in porta almeno una ventina di volte e la Sampdoria, nel secondo tempo, ha passato la metà campo soltanto in due circostanze. Io alla mia squadra non mi sento di rimproverare niente. Ha prodotto gioco, ha creato opportunità. Di più non si può volere». sicuramente, ma sabato contro la Juve a Torino dovrà esserci un’altra Roma per cercare di impensierire i campioni d’Italia.
Emilio Picciano

Fonte foto www.calciopro.com

LASCIA UN COMMENTO