Furia De Laurentiis: “Milan e Juventus favorite”

0

L'anno scorso la fuga in motorino dopo la sfuriata in diretta tv. Ma Aurelio De Laurentiis non si smentisce e, dopo il sorteggio dei nuovi calendari, lancia durissime accuse contro Juventus e Milan "favorite dalla lega che ha figli e figliastri".

 

Aurelio De Laurentiis nel post sorteggio del calendario della seria A 2012/2013 sbotta: "E' un'ultima giornata a favore di Juventus e Milan. In Lega ci sono figli e figliastri. Sarebbe stato molto più tutelato il campionato se le 5 squadre più rappresentative fossero state ragionevolmente in una competizione più equilibrata. Mettere Roma-Napoli all'ultima favorisce le grandi. Nel mondo del calcio non si fa altro che commettere insani errori. La Lega è casa nostra, si potrebbe fare le cose d'amore e d'accordo invece non è una cosa equilibrata, sembra sempre che ci sia lo zampino di qualche furbastro. Il calcio riserva sempre sorprese e finché non avremo visto almeno 4-5 partite non capiremo il valore delle squadre. Il valore delle squadre cosiddette minori e' cresciuto negli ultimi anni, anche perché quando si affronta una squadra sulla carta inferiore la trovi molto motivata, poi è chiaro che squadre come Milan e Juventus hanno un impatto diverso sui tifosi e sugli stessi giocatori. Non credo che l'anno scorso fossimo meno forti delle altre, perché anche in Champions abbiamo fatto bella figura. Credo che il Napoli per essere una squadra partita da zero 8 anni fa, stia facendo bene. Nel rugby c'è lo spirito di squadra, nel calcio si parla sempre del top player che in realtà è una figura creata dalla stampa, per me conta anche il 12esimo in campo che è il pubblico. Mi sono sentito con Cavani, lo ho visto particolarmente in forma e mi dispiace che oggi non abbia segnato. Regalerò uno Swatch alla moglie, un oggetto molto elegante che noi tutti abbiamo portato. E comunque mi risulta che a Torino Vucinic sia stato derubato e non abbia chiesto di andar via. Ormai queste cose capitano ovunque. Cavani resta”.

LASCIA UN COMMENTO