Cagliari 1-1 Atalanta, super Consigli para due rigori.

0

Prima partita casalinga del Cagliari che esordisce contro l'Atalanta nel nuovo stadio Is Arenas, nel comune di Quarto Sant'Elena.
Partita povera di pubblico ma tuttavia ricca di emozioni con le due compagini che si sono date battaglia per 90 minuti.

I rossoblu sono "ridotti all'osso" causa svariati infortuni, ed inizialmente devo fare a meno anche di Cossu colpito da un attacco febbrile che siederà in panchina e di Pinilla.
Largo quindi al tridente Ibarbo, Thiago Ribeiro e Larrivey.

 

Gli ospiti allenati da Colantuono (alla sue centesima panchina in serie A) invece presentano la formazione tipo, con in difesa "l'uomo mercato" Peluso, a centrocampo Schelotto ed in avanti il bomber Denis.

Primo tempo piuttosto nervoso, tante le ammonizioni (quattro) ed un cartellino rosso.
Senza alcun dubbio la prima frazione di gioco è segnata da un doppio errore dagli 11 metri dei padroni di casa.
Al 21' viene concesso il primo penalty per fallo di mano in area di rigore di Manfredini (ammonito).
Dal dischetto si presenta Larrivey, ma il portiere orobico Consigli para.

Dopo appena 8 minuti Peluso entra in maniera fallosa su Ibarbo in area di rigore, il difensore neroazzurro già ammonito in precendenza viene quindi espulso e l'arbitro Peruzzo concede il secondo tiro dagli 11 metri ai sardi.
Questa volta dal dischetto si presenta Conti, ma uno strepitoso Consigli si "supera" negando nuovamente il vantaggio ai padroni di casa.

Un Cagliari rabbioso prova per tutto il primo tempo a portarsi in vantaggio (9 gli angoli) ma l'Atalanta nonostante i 10 uomini e l'infortunio di Schelotto al 18' (sostituito da Raimondi) resiste al forcing avversario.

Il secondo tempo comincia sulla falsa riga del primo con i rossoblù che "assaltano" l'area di rigore di un attenta e per nulla rinunciataria (nonostante i 10 uomini) Atalanta.

I padroni di casa sfiorano il vantaggio prima con Thiago Ribeiro al 66' e poi con Nainggolan al minuto 72' al quale risponde alla grande il neo entrato Polito, subentrato a consigli al 70' per un infortunio al portiere orobico (ginocchiata alla testa ed uscita in barella).

L'Atalanta nonostante l'inferiorità numerica però ci crede e dopo due ottime occasioni con Denis prima e Maxi Moralez su punizione poi trovano un soprendente ed inaspettato vantaggio al 81' con Denis che dopo un clamoroso buco difensivo della difesa ospite sfrutta una sponda di un compagno portando in vantaggio i neroazzurri.

Causa infortuni, ammonizioni e cambi l'arbitro Peruzzo concede ben 6 minuti di recupero.

I padroni di casa provano un forcing finale ed al 90' vanno in gol con Ekdal, che mette in rete da due passi con un tocco sporco dopo una sponda aerea di Nenè.

Il match finisce quindi 1-1, sfuma al 90' l'impresa dell'Atalanta che stava per conseguire un'ottima vittoria dopo aver giocato per oltre un ora in inferiorità numerica.
I clamorosi errori dal dischetto dei padroni di casa hanno senza dubbio condizionato la gara e rinfrancato la Dea che ha giocato in maniera attenta ed organizzata.

Grande protagonista della serata Consigli, autore di due strepitose parate sui rigori e sfortunato sul finale di partita per l'infortunio subito.

 

LASCIA UN COMMENTO