Brividi a Siena, ci pensa Marchisio!

0

Ha faticato più del previsto, ma alla fine ce l’ha fatta. Anche a Siena sono arrivati i  tre punti che in attesa del Napoli, lanciano i bianconeri in cima alla classifica. Ma oggi non è stata la solita Juventus, apparsa affaticata e poco incisiva, che, complice anche l’impegno di Champions League, si è salvata solo all’ottantacinquesimo, quando su torre di Chiellini il principino Marchisio si inseriva da dietro e al volo trafiggeva l’estremo difensore senese.

 

PRIMO TEMPO
Partita molto aperta nei primi minuti con ritmi alti da una parte e dall’altra. Al primo minuto è Rosina a provare ad impensierire Buffon, ma il tiro è fiacco. La Juventus d’altro canto si affida al solito Pirlo e alle ripartenze della coppia d’attacco Vucinic-Giovinco. Al quarto d’ora è proprio il bresciano a ripetersi con lo stesso copione di Juventus-Roma, il gol con barriera che salta e Pegolo che non ci arriva. La Juventus non si ferma e con Giovinco va vicinissima al raddoppio, ma il Siena non demorde va vicinissimo al pareggio con Calaiò. Qualche minuto dopo, un caso di moviola. Chiellini già ammonito va a colpire Felipe, ma il direttore di gara lo grazia. Pirlo al minuto quaranta ci riprova e colpisce in pieno la traversa e mentre Cosmi decide di farsi espellere al minuto quarantadue per eccessive critiche all’arbitraggio, Marchisio, appena un minuto dopo, regala la prima pagina dei quotidiani di domani al portiere Pegolo. Sul finale di gara, in pieno recupero ci pensa Calaiò di testa ad insaccare il cross di Angelo che vale il pareggio e rimette in piedi una partita fin a quel momento saldamente in mano alla Juventus.

SECONDO TEMPO
Secondo tempo che si apre con la Juventus impegnata nell’affannosa ricerca del vantaggio, ma il Siena è attento e chiude ogni spazio. Così, dopo un’occasione buttata al vento da Giovinco, rischia di passare in vantaggio con un clamorosa autogol di Chiellini. La Juventus mette il Siena nella sua metà campo per cinque minuti buoni ma prima Vucinic e nuovamente Giovinco non riescono a concretizzare due buone occasioni. Il Siena sale in contropiede a dodici minuti dalla fine e va vicino al vantaggio con i difensori bianconeri in difficoltà. Carrera (Conte) fa entrare Giaccherini e Quagliarella. E quando sembra che la partita finirà in pareggio ci pensa Marchisio a depositare la palla nel sacco con un bel tiro al volo a coronamento di un’azione spumeggiante.  Sul finale di gara Vucinic decide di congelare la partita e farsi ammonire, ma non succede più nulla e la Juventus espugna Siena.

Siena-Juventus 1-2

IL TABELLINO

SIENA (3-4-2-1): Pegolo; Neto, Paci, Felipe; Angelo, Vergassola, Rodriguez, Del Grosso; Rosina, Zè Eduardo (9′ st Sestu); Calaiò.
A disp.: Farelli, Campagnolo, Dellafiore, Mannini, Bolzoni, Rubin, Reginaldo, Verre, Valiani, Paolucci, Bogdani. All.: Cosmi

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Marrone (36′ st Quagliarella), Chiellini; Lichsteiner (23′ st Giaccherini), Vidal, Pirlo, Marchisio, De Ceglie (1′ st Asamoah); Giovinco, Vucinic. A disp.: Storari, Rubinho, Isla, Lucio, Caceres, Pogba, Padoin, Bendtner, Matri. All.: Carrera

Arbitro: Mazzoleni

Marcatori: 14′ Pirlo (J), 47′ pt Calaiò (S), 40′ st Marchisio (J)

Ammoniti: Felipe, Zé Eduardo, Rosina, Neto, Paci, Sestu, Vergassola (S); Chiellini, De Ceglie, Vucinic (J)

Espulsi: Cosmi

LASCIA UN COMMENTO