Hernanes: «Sono tornato!»

0

Il “profeta” è sicuramente uno degli uomini chiave nello scoppiettante inizio di stagione dei biancocelesti. L’arrivo di Petkovic pare avergli fatto ritrovare gli stimoli giusti, la classe, il talento, il saper essere decisivo, che sembravano smarriti sotto la gestione di Reja. Queste le parole del brasiliano ai microfoni di “SKY”.

 

Fisicamente ho sofferto molto nella mia carriera per riuscire a raggiungere risultati importanti. In questo momento mi trovo in un’ottima condizione fisica e questo mi aiuta tanto. Ho la voglia e la determinazione che mi mancavano negli anni passati, grazie a questa forza e a quest’energia posso affermare di essere nel mio migliore momento di forma. Sul finale della scorsa stagione c’è stato un periodo durante il quale ero un po’ demotivato e avevo perso gli stimoli giusti, un calciatore per riuscire ad esprimersi al meglio deve essere sempre determinato”. Petkovic è stato sicuramente fondamentale:: “Il tecnico è stato importante, è un allenatore che vuole sempre vincere e fare bene. La squadra è motivata, per noi calciatori questo cambio di mentalità è stato molto importante”.

 

Sabato sera I biancocelesti saranno avversari del Milan: “Da quando sono qui in Italia non è mai successa una cosa simile, il Milan è sempre stato il grande favorito nonostante giocassimo noi in casa. Non per questo dobbiamo illuderci, la squadra di Allegri rimane una squadra temibile con in rosa tantissimi grandi giocatori”. Non so quanto finirà e chi vincerà, sono sicuro però che sarà una grande partita. Sarà molto importante l’approccio e come entreremo in campo nei primi minuti di gara, se inizieremo bene allora ci saranno concrete possibilità di portare a casa il risultato”. Hernanes era stato addirittura accostato ai rossoneri in passato:”Ci sono tante chiacchiere in merito, ma io non ho mai parlato con il Milan. Sono molto felice di essere qui a Roma e di essere arrivato alla Lazio”. 

 

Poi il fantasista non si sbilancia sulle prospettive dei capitolini: “E’ ancora presto per dire dove potremo arrivare a fine stagione, non dobbiamo guardare troppo lontano ma pensare partita dopo partita”; capitolo nazionale: “Non so i motivi di queste decisioni,infatti nonostante le prestazioni convincenti è stato ignorato dal ct Menezes (ndr) . Il ct mi conosce molto bene, devo continuare a fare il mio lavoro come sto facendo e se continuerò così arriverà anche il mio momento”

 

Infine, brutte notizie per Lotito: la Uefa ha infatti multato la Lazio per 40.000 euro a causa della condotta impropria (cori razzisti) dei suoi tifosi nel Match di Europa League disputato a White Hart Lane.

LASCIA UN COMMENTO