Storica Udinese, espugnato Anfield

0

Invece dei supporters inglesi, la mitica Kop, a cantare ieri sera sono stati gli instancabili tifosi bianconeri dell’Udinese, che hanno visto trionfare la loro squadra per 2-3 sullo storico campo di Anfield Road nel match del Girone A di Europa League.

 

Quest ‘ultimi  avranno sicuramente pensato il peggio, infatti nella prima frazione di gara il Liverpoool aveva dimostrato un grande predominio territoriale, condito da un ingente possesso palla, risultato alquanto sterile fino al goal del centrocampista dei Reds Shelvey, al minuto 22′. La reazione pareva non arrivare e la partita scivolava all’intervallo per fortuna dei bianconeri senza altri danni.

Dopo le parole del condottiero Guidolin, nella ripresa arrivava però la svolta, partita dal capitano, l’uomo simbolo, Totò Di Natale, che suonava la carica siglando il goal del momentaneo pareggio al primo minuto del secondo tempo, dopo aver rubato palla direttamente dai piedi dei reds. Il cuore veniva fuori e l’Udinese alzava la testa, passando in vantaggio al 25′ grazie ad un’ autorete del giovane difensore centrale Sebastian Coates, e al 27′, con un fantastico sinistro di Giovanni Pasquale.

Brandon Rodgers tentava di rimettere le cose al loro posto inserendo il capitano Steven Gerrard e il bomber Luis Suarez, il quale accorciava le distanze su punizione al minuto 30′. Di qui partivano gli assalti veementi della truppa inglese, ribattuti eroicamente dal muro eretto da Guidolin fino al tanto agognato fischio finale. Per il tecnico non ci sarebbe stato miglior modo per festeggiare il suo 57 esimo compleanno.

Grande partita per i tre centrali friulani, in particolare di Danilo, prestazione a due facce del centrocampo, male nel primo, discreta ripresa nel secondo tempo, distintosi per  rabbia e vigore, e superbo match del capitano Antonio Di Natale, assieme al suo allenatore, bandiera intramontabile di questa squadra e protagonista principe, con gol e assist per Pasquale, di una serata che rimarrà nella storia. Da segnalare inoltre, un’inconsistente prestazione del talento nostrano Fabio Borini, sembrato poco a suo agio nei meccanismi inglesi.

Tabellini:

LIVERPOOL-UDINESE 2-3
Liverpool (4-3-3): Reina 5,5; Johnson 5,5, Carragher 5, Coates 5, Robinson 5,5; Henderson 5,5 (19′ st Gerrard 6), Shelvey 6,5, Allen 6; Downing 5,5, Borini 5 (34′ st Sterling 6,5), Assaidi 5 (19′ st Suarez 6,5). A disp.: Jones, Skrtel, Wisdom, Sahin. All.: Rodgers 5,5.
Udinese (3-5-1-1): Brkic 6,5; Benatia 6, Danilo 7, Domizzi 6,5; Pasquale 7, Faraoni 6,5, Badu 6, Pinzi 6,5 (25′ st Willians 6), Armero 5 (1′ st Lazzari 6,5); Pereyra 6; Di Natale 7,5 (40′ st Ranegie sv). A disp.: Padelli, Heurtaux, Coda, Fabbrini. All.: Guidolin 7,5.
Arbitro: Johannesson (Sve)
Marcatori: 22′ Shelvey (L), 1′ st Di Natale (U), 25′ st aut. Coates (L), 27′ st Pasquale (U), 30′ st Suarez (L)
Ammoniti: Benatia, Pinzi, Faraoni (U)
Espulsi: nessuno

LASCIA UN COMMENTO