Cavani cala il poker! Napoli rimonta il Dnipro e vince 4-2

0

Partita pazzesca del Napoli che passa in vantaggio con Cavani ma si fa riprendere con due gol dagli ucraini. Riapre tutto ancora una volta il Matador che segna 3 gol nei minuti finali del match.

 

Il Napoli doveva trovare solo la vittoria ed è arrivata. Il poker firmato Cavani permette agli azzurri di scavalcare il PSV e portarsi a -3 dal Dnipro. Mazzarri non attua un turn-over totale ma schiera dal primo minuto alcuni tra i “titolarissimi”, cercando di chiudere al più presto la pratica Dnipro. L’inizio è più che incoraggiante: Al 7′ il Napoli passa in vantaggio con Cavani che sfrutta un preciso passaggio filtrante di Dzemaili che d’esterno mette in porta l’uruguaiano che in velocità supera Odibe e sigla l’1-0. Per quasi 20 minuti è un grande Napoli che potrebbe trovare più volte il raddoppio con Dossena che sciupa due occasioni nitidissime. Verso la metà del primo tempo però arriva il calo, Napoli più disunito che permette al Dnipro di aumentare l’intensità della manovra offensiva. Al 32′ infatti arriva il gol degli ucraini con Fedetski, lasciato in gioco da Dzemaili, che su calcio d’angolo trova un gol facile facile a pochi metri dalla porta. Napoli che dimostra per l’ennesima volta una fragilità disarmante sulle palle inattive. Si va quindi al riposo con i fischi del San Paolo. Se il solito Cavani può rallegrare Mazzarri, lo stesso non si può dire delle riserve; Donadel e Vargas si dimostrano ancora una volta due corpi estranei di questo Napoli, con una prestazione decisamente negativa.

Proprio su un errore di Vargas arriva il gol del sorpasso ucraino: Al 7′ Vargas perde un brutto pallone a centrocampo che innesca il contropiede del Dnipro, concluso da Zozulya con un preciso diagonale che batte Rosati. Frustrazione e paura si annidano nella mente di Mazzarri che dopo il gol, decide di mettere in campo 3 tenori come Pandev, Hamsik ed Insigne. I deludenti Donadel, Vargas e Aronica cedono il posto e da qui in poi inizia la rimonta partenopea. Al 32′ Cavani trova il secondo gol della serata su punizione con un perfetto destro a giro che trafigge Lastuvka. San Paolo impazzito per il Matador che rianima le speranze azzurre. Speranze che diventano realtà al 43′: Triangolazione splendida tra Hamsik ed Insigne che di tacco smarca lo slovacco in area, libero di trovare ancora una volta Cavani. Tripletta fantastica e pubblico in delirio. Il 4-2 finale, sempre con Cavani, conferma ancora una volta l’importanza di questo giocatore che dimostra di essere un attaccante completo; Onnipresente in tutti i reparti, ha sempre la lucidità necessaria per concludere a rete.
Per fortuna di Mazzarri e del suo Napoli, Cavani non conosce la stanchezza e influisce in maniera decisiva anche in questo match, importantissimo per la qualificazione. Finalmente gli azzurri ritornano alla vittoria dopo due sconfitte consecutive che, a conti fatti, non pregiudicano il cammino europeo del Napoli che con i titolari in campo è tutta un’altra squadra.

Napoli-Dnipro 4-2
Napoli (3-4-1-2): Rosati; Fernandez, Aronica (27′ st. Pandev), Britos; Mesto, Donadel (10 st. Insigne), Inler, Dzemaili, Dossena; Cavani, Vargas (10′ st. Hamsik). All.: Mazzarri
A disp.: De Sanctis, Maggio, Campagnaro, Behrami,
Dnipro (4-2-3-1): Lastuvka; Mandziuk, Mazuch, Odibe, Denisov; Rotan, Kankava; Fedetskiy (41′ st. Matheus), Konoplyanka (36′ st. Cheberyachko), Aliyev (11′ st. Giuliano); Zozulya. All.: Ramos
A disp.: Shelikhov, Kravchenko, Cheberyachko, Seleznyov, Olinik,
Arbitro: Yefet
Marcatori: 7′ Cavani, 33′ Fedetski, 7′ st.Zozulya, 32′ st. Cavani, 43′ s.t Cavani, 47′ st. Cavani
Ammoniti: 21′ Konoplyanka, 23′ Aliyev, 31′ st. Rotan, 33′ st. Mandzyuk (D); 6′ st. Inler, 36′ st. Fernandez
Espulsi: –

LASCIA UN COMMENTO