Ventura e gli stop bizzarri nel mondo del calcio

0
Minuto 30' di Siena-Torino: l'allenatore granata Giampiero Ventura balza fuori dalla sua panchina in segno di disapprovazione per un'azione sprecata dai suoi giocatori. Risedutosi, è stato colpito da un colpo della strega e si è messo ad urlare ed imprecare a causa del dolore.
Ai più quest'immagine avrà ricordato lo stesso bizzarro infortunio capitato all'ex portiere del Milan Nelson Dida, in panchina allo Stadio Ennio Tardini di Parma, durante un Parma-Milan di qualche anno fa. Un altro giocatore che non andava d'accordo con le panchine era Rino Gattuso, scivolato in una di quelle interrate mentre si allenava con la nazionale nel 2008.
 
Ma questi sono solo alcuni esempi di come il destino possa riservare brutte e strane sorprese ai calciatori: il centrale dello United, Rio Ferdinand, si infortunò i legamenti di un ginocchio dopo aver tenuto le gambe distese mentre era seduto al tavolino di un bar. Capitò di peggio al portiere della nazionale inglese David James, che il ginocchio se lo frantumò tuffandosi in maniera plastica per raccogliere il proprio telecomando in caduta libera dal divano di casa. E come non ricordare la tragedia sfiorata da Domenico Giampà, neo-acquisto del Como: ai tempi del Messina, nel corso di Messina-Lecce del 2004-2005, finì contro i cartelloni pubblicitari squarciandosi la coscia sinistra e rimediando 147 punti di sutura.
E che dire del "leggendario" Chimenti? Dopo la vittoria della Sampdoria sulla Juventus, per sfogare la rabbia dovuta al suo errore su un tiro da lontano di Cassano terminato in rete, si fratturò un metacarpo tirando un pugno ad un tavolino.
E ancora, Fabio Cannavaro assunse del cortisone per una puntura d'ape e risultò positivo all'antidoping nel 2009. Recoba in un Atalanta-Inter scivola su dei tubi a bordocampo che inspiegabilmente si trovavano lì, fortunatamente per il nerazzurro senza conseguenze. Ronaldo, nel 2007, nel giorno delle presentazioni delle nuove maglie del Milan a San Siro, ebbe un dolore alla coscia e stramazzò al suolo per il dolore dopo aver calciato un pallone verso il pubblico.
Insomma, per colpe proprie o altrui, gli infortuni nel calcio spesso sono così anomali da suscitare sorrisi negli spettatori, che molte volte non si sanno spiegare come possano accadere certi incidenti.

LASCIA UN COMMENTO